Login Form



La musica nelle aie

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Categories
    Categories Displays a list of categories from this blog.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Team Blogs
    Team Blogs Find your favorite team blogs here.
  • Login
    Login Login form
Recent blog posts

Posted by on in Collaborazioni
a-leotta-g

Guido Leotta è morto,

scrittore, poeta, musicista, editore e, soprattutto uomo buono e operoso. Con lui Musica nelle aie ha sempre avuto un rapporto di stima profonda e in qualche caso anche di collaborazione. Ricordiamo la partecipazione di Guido coi Faxet come ospite a una delle prime edizioni del folk festival. Ci uniamo al dolore di chi gli voleva bene e come voleva lui continuiamo a tener botta.

 

 
Hits: 1229
0



LA MUSICA NELLE AIE 2014 – ultimissime settimane per iscriversi

Ricordiamo a tutti che il 20 febbraio è l'ultimo giorno utile per iscriversi al concorso di domenica 11 maggio.


Tutte le informazioni necessarie (Bando e Modulo di partecipazione) si possono reperire sul sito: http://www.musicanelleaie.it#tacabagareta!
La Musica nelle Aie


APS “Castel Raniero”

http://www.musicanelleaie.it

http://lamusicanelleaie.wordpress.com

http://www.facebook.com/pages/La-Musica-nelle-Aie/113040292071147

https://www.facebook.com/groups/43205129176/?fref=ts

http://twitter.com/#!/musicanelleaie

http://www.youtube.com/user/LaMusicaNelleAie#p/a

http://www.radiosonora.it/it/programmi/282-taca-bagareta#.Upp6E9LuKRM

 
La Musica nelle Aie – Castel Raniero in Festa
8 – 9 – 10 – 11 maggio 2014
Castel Raniero – Faenza
 

In collaborazione con: Comune di Faenza, Provincia di Ravenna, Regione Emilia Romagna, GEV Faenza, MEI, Radio Sonora, Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, Fermento Etnico, Voci per la Libertà, CNI-music, Imola in Musica, Il Lavoro dei Contadini, Radio Emilia Romagna, SaltinAria, laScena, Galletti-Boston, SlowFood, …

Legge n. 196/2003 e successive integrazioni -Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali: gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio sono i mittenti di messaggi a noi pervenuti oppure provengono da richieste d’iscrizione pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati. Nella eventualità che questa e-mail vi fosse giunta per errore, o per qualsiasi altra ragione desideraste non usufruire più di questo servizio, inviateci una e-mail con oggetto “cancella”.




Hits: 1212
0

Posted by on in Castel Raniero
mahem

 

Massimo "Mahem" Pintossi dei Malghesetti è morto

Viva Mahem! Viva il Folk!
Hits: 1270
0

Posted by on in Aggiornamenti
...
Hits: 1224
0

Posted by on in Aggiornamenti
AL VIA LA XVII EDIZIONE DI VOCI PER LA LIBERTÀ - UNA CANZONE PER AMNESTY
I BANDI PER MUSICISTI E VIDEOMAKER


Musicisti e video maker saranno protagonisti della XVII edizione di Voci per la Libertà - Una canzone per Amnesty (www.vociperlaliberta.it), il festival musicale dal vivo promosso dall'Associazione Voci per la Libertà e Amnesty International Italia, in programma dal 17 al 20 luglio a Rosolina Mare (Rovigo).Accanto al tradizionale contest dedicato alla scena musicale italiana con il Premio Amnesty International Italia e il Premio Amnesty International Italia Emergenti, quest’anno è stato introdotta in collaborazione con DeltArte una nuova competizione nell'ambito della videoarte: 3 minuti x 30 articoli, infatti, assegna un riconoscimento a chi esalta al meglio uno o più articoli contenuti nella Dichiarazione universale dei diritti umani attraverso un corto.

Queste sono le tre competizioni della XVII edizione di Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty:

Premio Amnesty International Italia Emergenti

Possono prendervi parte tutti gli artisti esordienti, con o senza album editi, sensibili alle questioni del rispetto e della tutela dei diritti umani. Non esistono barriere di genere stilistico o lingua. È sufficiente avere due brani registrati, uno dei quali deve essere centrato sui diritti umani.

Tra tutte le iscrizioni arrivate entro sabato 8 marzo, il pubblico potrà votare online la migliore, conferendo il Premio Web e facendo accedere direttamente l'artista vincitore alle semi finali della fase live. Tra tutte le iscrizioni arrivate entro sabato 19 aprile, l'Associazione Voci per la Libertà sceglierà le migliori sette, che si batteranno assieme al Premio Web nel concorso dal vivo a Rosolina Mare. Qui una giuria prestigiosa di addetti ai lavori assegnerà il Premio Amnesty International Italia Emergenti.
Ulteriori informazioni sul bando sono disponibili al link:
http://vociperlaliberta.it/index.php?option=com_content&view=category&id=13&Itemid=16

Premio Amnesty International Italia

È riservato ai big italiani che nel 2013 hanno interpretato canzoni sui temi cari ad Amnesty International raccontando storie emozionanti sui diritti umani ed entusiasmando con poesia sonora e lirica. Il pubblico può segnalare i brani entro il 31 gennaio inviando una mail all’indirizzo  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tra tutte le proposte, Amnesty International Italia e Voci per la Libertà ne selezioneranno 10 che verranno sottoposte alla giuria di esperti, incaricata di eleggere il Premio Amnesty International Italia.
La premiazione avrà luogo a Rosolina Mare domenica 20 luglio, serata conclusiva del festival.

3 minuti x 30 articoli

Questo nuovo premio è destinato a tutti i videomaker under 35 che vogliano dire la loro, attraverso la video arte, sul tema dei diritti umani. Gli interessati dovranno presentare entro sabato 19 aprile una video clip di tre minuti ispirata a uno o più articoli della Dichiarazione universale dei diritti umani. Le tre opere vincitrici del concorso, scelte da una giuria di esperti tra le 10 che avranno ricevuto più visualizzazioni, saranno premiate durante la manifestazione Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty, in concomitanza col festival DeltArte 2014.
Ulteriori informazioni sul bando sono disponibili al link:
http://vociperlaliberta.it/index.php?option=com_content&view=article&id=582:concorso-di-videoarte-a-favore-dei-diritti-umani&catid=48:news-2014&Itemid=4

Territorio

Non siete musicisti o videomaker? Programmate comunque le vostre vacanze a Rosolina Mare nella settimana del festival perché, oltre a vivere serate con ottima musica e stimolanti clip, avrete la possibilità di godere di una terra affascinante e ora anche terreno fertile per l’arte contemporanea. Infatti, da maggio a settembre, ritorna la seconda edizione del giovanissimo festival DeltArte, promosso dalla Fondazione Cariparo, che vi aspetta nel Delta del Po con mostre itineranti, performance, concerti, happening, installazioni, street-art, in un dialogo vivace e inedito tra la creatività giovanile internazionale e la natura.
Il mare azzurro e vivo è lì per abbracciarvi in favolosi bagni e ospitarvi sulle sue spiagge dorate; il Delta del Po è pronto per essere scoperto con le sue ricchezze di naturali, la tavola può offrirvi gustose e pregiate specialità enogastronomiche e tutta una serie di comode strutture turistiche sono pronte ad accogliervi, sia che siate amanti del relax sia del divertimento.
www.rosolinamarelido.it   www.parcodeltapo.org   www.polesineterratraduefiumi.it

Hits: 1536
0

Posted by on in Aggiornamenti

comunicato con preghiera di pubblicazione e diffusione





LA MUSICA NELLE AIE 2014 – via al Bando!



testatasitomini.jpg


Taca Bagareta!


È con questo incitamento rivolto a tutti i musicisti e musicanti folk, ma non di meno a chiunque ama “folkeggiare”, che annunciamo l'apertura del Bando per partecipare al concorso musicale di domenica 11 maggio in occasione del Folk Festival LA MUSICA NELLE AIE 2014



Tutte le informazioni necessarie (Bando e Modulo di partecipazione) si possono reperire sul sito: www.musicanelleaie.it





#tacabagareta!


La Musica nelle Aie - logofirmamail




APS “Castel Raniero”

http://www.musicanelleaie.it

http://lamusicanelleaie.wordpress.com

http://www.facebook.com/pages/La-Musica-nelle-Aie/113040292071147

https://www.facebook.com/groups/43205129176/?fref=ts

http://twitter.com/#!/musicanelleaie

http://www.youtube.com/user/LaMusicaNelleAie#p/a

http://www.radiosonora.it/it/programmi/282-taca-bagareta#.Upp6E9LuKRM



La Musica nelle Aie – Castel Raniero in Festa



8 – 9 – 10 – 11 maggio 2014



Castel Raniero – Faenza




In collaborazione con: Comune di Faenza, Provincia di Ravenna, Regione Emilia Romagna, GEV Faenza, MEI, Radio Sonora, Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, Fermento Etnico, Imola in Musica, Voci per la Libertà, Il Lavoro dei Contadini, Radio Emilia Romagna, SaltinAria, laScena, Galletti-Boston, SlowFood, ...

Legge n. 196/2003 e successive integrazioni -Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali: gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio sono i mittenti di messaggi a noi pervenuti oppure provengono da richieste d’iscrizione pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati. Nella eventualità che questa e-mail vi fosse giunta per errore, o per qualsiasi altra ragione desideraste non usufruire più di questo servizio, inviateci una e-mail con oggetto “cancella”.
 
Hits: 1185
0

Al via le votazioni on-line per la quinta edizione del concorso La Musica Libera. Libera la Musica.


Vai subito alla lista dei brani, ascoltali ed esprimi le tue preferenze: c’è tempo fino al 15 dicembre 2013 per scegliere i migliori fra i 271 candidati, uno per ciascuna delle cinque sezioni in gara: Musica libera, Rock, Soul e R&B, Jazz e Folk. Per garantire la trasparenza della votazione, è necessario accreditarsi con indirizzo mail e password, oppure tramite il Facebook Login.


Per il vincitore di ogni categoria è previsto un premio in denaro pari a 1000 euro, e la possibilità di suonare su uno dei 9 palchi messi a disposizione dai partner. Inoltre tutti i brani finalisti entreranno a far parte della compilation "La Musica Libera. Libera la Musica - V edizione", prodotta da Materiali Musicali.


Nella terza fase entrerà in gioco anche il parere della Giuria qualificata, presieduta da Roberto Franchini, direttore dell'Agenzia Comunicazione e Informazione della Giunta regionale dell'Emilia-Romagna, e composta da Giordano Sangiorgi, ideatore e organizzatore del MEI, Graziano Uliani, ideatore e direttore artistico del Porretta Soul Festival, Aldo Foschini, organizzatore e direttore artistico di La musica nelle Aie: Castel Raniero Folk Festival, Marco Bartolini, presidente della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, Andrea Tinti, giornalista, critico musicale, Gianni Prandi, presidente Radio Bruno, Lele Roveri, general manager e art director dell'Estragon Club, Sandra Costantini, vice presidente dell'associazione culturale internazionale Europe Jazz Network e direttore artistico di varie rassegne tra cui Crossroads: Jazz e altro in Emilia-Romagna.


Il concorso La Musica Libera. Libera la Musica è organizzato dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna con l’Agenzia Informazione e Comunicazione della Giunta regionale. Entrano quest'anno nella rete dei partner l'Estragon di Bologna e il festival Crossroads, con la speciale partecipazione di Toscana Musiche, che permetterà ad alcuni artisti emiliano-romagnoli di esibirsi fuori dai confini regionali. Restano e si consolidano i rapporti con i partner storici dell'iniziativa: MEI, Porretta Soul Festival, la Musica nelle Aie, Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, Centro Musica di Modena e Radio Bruno.

Vi chiediamo di fare particolarmente attenzione alla categoria Folk, il vincitore suonerà sul palco a La Musica nelle Aie 2014


 
Hits: 1229
0

Posted by on in Collaborazioni

FESTA PAESANA DI AMBIENTE E DI CACCIA


GRANAROLO FAENTINO


6-7-8-9-10-11 Novembre 2013



con il Patrocinio del COMUNE DI FAENZA


XXXII


EDIZIONE


e con la collaborazione di


LA MUSICA NELLE AIE


leggi tutto il programma qui:


Pieghevole_2013_ok_ok

Hits: 1106
0

Posted by on in Aggiornamenti

sttbred1

 

Taca Bagareta!

Così veniva acclamato Giacomo Donati, conosciuto da tutti come Bagareta, quando con il suo violino si apprestava ad allietare i trebbi che si svolgevano nelle aie della Romagna.

Taca Bagareta!

É l'incitamento che noi di Musica nelle Aie diamo a tutti i musicisti e musicanti folk ed è anche il titolo che abbiamo scelto per questo programma radiofonico sulle frequenza web di Radio Sonora.

Taca Bagareta!

È una chiacchierata su Folk a tutto tondo, andando a scoprire gli strumenti che lo caratterizzano o seguendo le ricorrenze del calendario accompagnati dalle sonorità che fanno parte delle nostre radici e da quelle di terre lontane ...e certe volte viene a trovarci qualcuno per raccontarci qualcosa in parole e musica.

 

Taca Bagareta!

Ogni mercoledì alle 20,00, in replica al Sabato alle 20,00 e dal lunedì in podcast

sulle frequenze web di Radio Sonora

 

La Musica nelle Aie

Hits: 1109
0

Posted by on in Aggiornamenti
download

 

La Musica nelle Aie sarà presente al MEI2.0 di Faenza
con un banchetto in Piazza del Popolo e con le esibizioni di
Tizio Bononcini (premio speciale MEI) a Palazzo Laderchi, ore 16,30 di domenica
Marcabru (Premio Musica nelle Aie 2013) in Piazza del Popolo, ore 16,00 di domenica

Venite a trovarci!

qui sotto tutto il programma
http://www.meiweb.it/wp-content/uploads/2013/08/mei_programma.pdf
Hits: 1113
0

La Musica Libera. Libera la Musica


Quinta edizione del Concorso


Magazzini Sonori










Concorso La Musica Libera. Libera la Musica - V edizione
leggi il regolamento  |  Ascolta i brani in gara

 

Al via la quinta edizione del concorso La Musica Libera. Libera la Musica, organizzato dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna con l’Agenzia Informazione e Comunicazione della Giunta regionale, che dopo un anno di pausa torna rinnovato e ricco di nuove collaborazioni. Entrano nella rete dei partner l'Estragon di Bologna e il festival Crossroads, con la speciale partecipazione di Toscana Musiche, che permetterà ad alcuni artisti emiliano-romagnoli di esibirsi fuori dai confini regionali. Restano e si consolidano i rapporti con i partner storici dell'iniziativa: MEI, Porretta Soul Festival, la Musica nelle Aie, Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, Centro Musica di Modena e Radio Bruno.

Le iscrizioni sono aperte dal 20 settembre al 20 novembre, a tutti i musicisti emergenti nati, residenti o domiciliati in Emilia-Romagna. Cinque le sezioni in cui si articola quest'anno il contest, per riflettere in modo più articolato la varietà delle proposte musicali che abbiamo riscontrato negli anni nello spazio FreeZone di Magazzini Sonori:

  1. Musica libera

  2. Rock

  3. Jazz

  4. Soul e R&B

  5. Folk


I brani in concorso verranno sottoposti alla votazione pubblica online dal giorno 1 dicembre al 15 dicembre 2013, per poi essere valutati da una giuria di esperti che selezionerà i 15 finalisti.

Oltre ai premi in denaro, i vincitori avranno la possibilità di suonare sui palchi più importanti della Regione, e tutti i brani finalisti entreranno a far parte del cd compilation della quinta edizione, edito da Materiali Musicali.

L'iscrizione al concorso La Musica Libera. Libera la Musica è gratuita e avviene esclusivamente on-line sul portale www.magazzini-sonori.it. Per partecipare è necessario entrare a far parte dello spazio FreeZone, caricare il proprio brano in formato mp3 e segnalarlo per il contest. I brani segnalati devono essere originali, mentre non è necessario che siano inediti.

Prima dell'iscrizione vi invitiamo a leggere con attenzione il Regolamento completo del concorso.

Hits: 1116
0
SCUOLA DI MUSICA POPOLARE DI FORLIMPOPOLI
presenta


02 Ottobre 2013
Teatro Verdi
Centro Culturale Polivalente
Piazza Fratti Forlimpopoli Ore 20,30


Serata di apertura dell'anno scolastico 2013/14

Presentazione dei corsi e delle attività previste
Esibizioni dimostrative dei docenti dei corsi strumentali
Gli insegnanti saranno a disposizione per accordarsi sugli orari delle lezioni




SCOPRI I CORSI 2013/14 clikkando su "leggi tutto"


Corsi  e Insegnanti 2013/2014

CHITARRA , TRES, UKULELE Filippo Lucchi

BANDONEòN Giampiero Medri

ORGANETTO DIATONICO Giampiero Medri / Andrea Branchetti

CLARINETTO Giampiero Medri / Andrea Branchetti

SASSOFONO Giampiero Medri

PERCUSSIONI: DARBOUKA, CONGAS, BONGOS, DJAMBÈ, TIMBALES Paolo Marini

VIOLINO Gioele Sindona

VIOLINO POPOLARE Fabio Briganti

STRUMENTI A PLETTRO: MANDOLINO, MANDOLA, BANJO, BOUZUKI Fabio Briganti

ZAMPOGNA A CHIAVE ITALIANA Marco Tadolini

CORNAMUSE E FLAUTI BULGARI E MACEDONI: GAIDA E KAVAL Igor Niego

PERCUSSIONI ITALIANE E MEDIORIENTALI: TAMBURELLO, TAMMORRA, RIQ, DAF, BKENDIR, DARABOUKA Igor Niego

FISARMONICA Giacomo Rotatori / Bardh Jacova

DIDJERIDOO Fiorino Fiorini

VIOLONCELLO Sebastiano Severi

FLAUTO DOLCE, FLAUTI IRLANDESI, OCARINE Emanuela Di Cretico

SITAR, RAGA DEL NORD INDIA Marco Nervegna

OUD TURCO Marco Nervegna

TABLA, TALA (Solfeggio ritmico Indiano) Alessandro Servadio

ARPA CELTICA E SALTERIO AD ARCO Antonella Pierucci / Andrea Fiumicelli

BODHRAN IRLANDESE Fiorenzo Mengozzi

GHIRONDA, CORNAMUSE FRANCESI ED A IMPIANTO CELTICO, BOMBARDA BRETONE Walter Rizzo

FLAUTI TRAVERSI, FLAUTI DOPPI E FLAUTI COL TAMBURO (altobasso, campana, traccola, nacchere e putipù) Giorgio Pinai

LABORATORIO DI MUSICA PER CONCHIGLIE Antonio Coatti

STRUMENTI A OTTONE: TROMBA, TROMBONE, TUBA Francesco Bucci (NOVITà 2013)

SARANGI e MUSICA INDIANA (Per TUTTI GLI STRUMENTI) Matteo Maltauro (NOVITà 2013)


Corsi di Musica d’insieme (per strumentisti e principianti):
ORCHESTRONA DELLA SCUOLA DI MUSICA POPOLARE Davide Castiglia

LABORATORIO PERMANENTE SULLE MUSICHE DEI BALCANI Aleksandar Sasha Karlic

MUSICHE DI AREA CELTICA Fabio Briganti

ORCHESTRA DI FISARMONICHE Giacomo Rotatori

MUSICHE DEL CENTRO FRANCIA E BRETAGNA Walter Rizzo (NOVITà 2013)

LABORATORIO PERMANENTE DI MUSICHE DEL MEDIOEVO Per voci e strumenti, per principanti e livelli intermedi Aleksandar Sasha Karlic (NOVITà 2013)


Corsi Collettivi e di propedeutica musicale:
LA VOCE CANTATA Corso di tecnica vocale e canto popolare Paola Sabbatani

LA CANZONE RINASCIMENTALE progetto congiunto con la classe di Nyckelharpa dedicato all'interpretazione del repertorio vocale rinascimentale e del primo barocco Jule Bauer

IO GIOCO TAMBURO Ritmo e Musica per bambini dai 5 ai 10 anni Igor Niego / Debora Stenta

MUSIC TOGETHER® CORSO DI MUSICA PER FAMIGLIE CON BAMBINI DA 0 A 5 ANNI
Marta Cupertino In collaborazione con Ass. Marakatimba (NOVITà 2013)

IMPARARE LA MUSICA GIOCANDO COL FLAUTO E TAMBURO PER BAMBINI DI ELEMENTARI E MEDIE Giorgio Pinai (NOVITà 2013)

MUSICISTI EMOZIONATI, LABORATORIO DI PRESENZA SCENICA PER MUSICISTI Fabio Ambrosini (NOVITà 2013)

Corsi biennali:
EUROPEAN NYCKELHARPA NETWORK (Per viola d’amore a chiavi) Marco Ambrosini, Didier François, Annette Osann, Ditte Andersson, Jule Bauer

In collaborazione con Akademie BURG FÜRSTENECK (Germania), Eric Sahlström Institutet (Svezia)

Corsi di Liuteria Popolare
CORSO DI COSTRUZIONE ED UTILIZZO DELLA CIGAR BOX GUITAR Fabio Briganti (NOVITà 2013)

PROSSIMAMENTE
SALA ARAMININI FOLK CLUB – LIVE A FORLIMPOPOLI DA OTTOBRE A GENNAIO

Laboratorio di Narrazione Orale
“SULL’ARTE DI RACCONTARE LE FAVOLE” Sergio Diotti (NOVITà 2014)
Libreria “La Bottega dell’Invisibile” Via Aurelio Saffi, 40 Forlimpopoli, in collaborazione con:
Atelier delle Figure/Scuola per Burattinai e Contastorie, Gambettola
Scuola di Musica Popolare, Forlimpopoli

Per informazioni +39 0543 444621 – + 39 338 3473990
e-mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.musicapopolare.net
Skype: musicapopolare
Facebook: SCUOLA DI MUSICA POPOLARE di Forlimpopoli

In collaborazione con
Comune di Forlimpopoli
Associazione Gruppo Danza Forlimpopoli ASD
Associzione Marakatimba
Circolo ARCI I bevitori Longevi
Cinema teatro Verdi - Gestione Vitali
Musica nelle Aie – Castel Raniero
Mei DUE PUNTO ZERO - Faenza
Arci
Hits: 1812
0

Artisti Vari – Musica Nelle Aie 2013 (Galletti-Boston, 2013)






 

“La Musica nelle Aie è nata come un sogno, che anno dopo anno si avvera intorno a noi, portandoci musiche e canti legati alla terra e alla ciclicità della natura e il vento che bisbiglia questi canti e queste danze, ci immerge in un mondo lontano che però risuona in noi come se ci fosse vicinissimo, perché è l’origine da cui veniamo e la meta a cui tendiamo… Ed il sogno come il vento continua”, così si legge nelle note di copertina della raccolta “Musica Nelle Aie 2013”, che raccoglie i brani dei gruppi e degli artisti, che hanno preso parte all’omonimo folk festival, che si tiene annualmente a Castel Raniero, e queste ci sembrano è le parole più giuste per raccontare lo spirito che anima questa bella realtà. Come già accaduto lo scorso anno, anche quest’anno abbiamo l’opportunità di immergerci nell’atmosfera di questo festival, ascoltando una bella compilation di brani folk, nell’accezione più ampia, spaziando dalle connessioni con il rock dei Marmaja alla canzone d’autore di Piccola Banda Brigante, passando per la tradizione bretone dei bergamaschi Abacà, al fado delle brave Portofado, fino a toccare la musica popolare più pura dei Taverna de Rodas. Non mancano anche qualche incursione nella musica da ballo con Orchestra la Rumorosa, l’Orchestrona SMP Folimpopoli e i veneti Ande, Cante e Bali, e nella canzone d’autore con Tizio Bononcini, così come ben rappresentata è anche la scena irish-folk con “Fire Down Below” dei Marcabru. Belle sorprese ci arrivano dai Krasì che propongono “Rondinella” e da Le Mosche che invece riproponongo “Lu Triste Furese”, brano tradizionale salentino, nonché dal progetto Etnoritmo di Paolo Farina del quale riascoltiamo volentieri “Ball I Ball”. Completano questa interessante compilation, i friulani Luna e Un Quarto , il violinista Vladimiro Cantalupi e la brillante “Morettina” de La Banda Del Grel. Sebbene sia una compilation relativa ai soli partecipanti del festival, “Musica Nelle Aie 2013” ha il pregio di offrirci una visione non convenzionale della scena folk e trad in Italia, mettendo insieme realtà note e qualche bella realtà meno famosa, aprendo così l’ascoltatore alla curiosità di altri approfondimenti sonori.




Salvatore Esposito

Hits: 1260
0

Posted by on in Aggiornamenti
Sabato prossimo 14 settembre dalle ore 20 e 30 grande festa al MIC per l'anteprima del Mei 2.0 per Celebrazioni dei 120 anni del Treno di Dante

Ospite della serata l'attore fiorentino prodotto da Materiali Sonori Pierfrancesco Bigazzi che presentera' il progetto "IndyDanteDamore" e che accompagnato dalle chitarre di Mattia Calosci e Marco Zampoli presentera' u nreading di letture di poesie d’amore giovanili dantesche di grande interesse.

Sabato prossimo alle ore 21 ad ingresso gratuito al Museo Internazionale delle Ceramiche grande festa anteprima del Mei 2.0, che si terrà a Faenza dal 27 al 29 settembre. Per celebrare i 120 anni del Treno di Dante ed evento conclusivo della due giorni di festeggiamenti che si apre la sera prima a Ravenna con Ivano Marescotti.
La serata di sabato 14 settembre del MEI al MIC si aprira' con la presentazione delo Treno di Dante con interventi , proiezioni e diapositive a cura del Comitato Amici della Faentina guidato da Ignazio Belfiore.
La serata proseguirà con l'alternanza tra artisti fiorentini, faentini e ravennati ad incrociare diverse sensiblitaà culturali e musicali dei territori.
Si aprirà con la musica dei faentini Strategie Gambe Perfette, finalisti di Faenza Rock, per passare ai Marcabru della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli vincitori dell'ultima edizione de La Musica nelle Aie, arrivare poi al cantautore ravennate Gregor Ferretti in uscita in questi giorni con un nuovo singolo prodotto da Fermenti Vivi di Franz Di Cioccio, il duo Hernandez & Sanpedro e numerosi altri artisti.

Ospite della serata l'attore fiorentino prodotto da Materiali Sonori Pierfrancesco Bigazzi che presentera' il progetto "IndyDanteDamore" e che accompagnato dalle chitarre di Mattia Calosci e Marco Zampoli presentera' u nreading di letture di poesie d’amore giovanili dantesche di grande interesse. Durante la serata il Comitato Amici della Faentina per il Treno di Dante presenteranno con interventi, video, immagini, proiezioni e suoni la storia tra passato, presente e futuro della Linea Ferroviaria Ravenna - Firenze - il Treno di Dante che puo' essere un grande volano di ritorno economico turistico per il nostro territorio e le iniziative prossime e future.

Il programma di sabato 14 settembre al Museo Internazionale delle Ceramiche dalle ore 21 ad ingresso gratuito
Comitato Amici della Faentina presenta:

Programma 13/14 Settembre:
120°anniversario inaugurazione della ferrovia "La Faentina" Ravenna - Firenze a cura del "Comitato Amici della Faentina - Treno di Dante"

venerdì 13
Presso la sala Muratori della Biblioteca Classense ore 16,00
120° della ferrovia Faentina - Presentazione delle iniziative del Comitato nei territori attraversati dalla ferrovia Ravenna-Firenze
"Ivano Marescotti legge Dante tra Ravenna e Firenze"

sabato: 14
"Omaggio al Sommo Poeta"
giornata a Firenze con il "Treno di Dante" Ravenna-Firenze, visita luoghi danteschi e letture dantesche
partenza da Ravenna stazione FS ore 7,33
arrivo a Ravenna stazione FS ore 20,10

sabato: 14 sera

Sabato sera 14 settembre al MIC di Faenza: Anteprima Mei 2.0 per il Treno di Dante con artisti e band di Ravenna, Faenza e Firenze con musiche, proiezioni, letture e tanto altro

Per contatti www.trenodidante.it e pagina facebook https://www.facebook.com/AmiciDellaFaentinaIlTrenoDiDante
Hits: 1221
0

Posted by on in Aggiornamenti
XIX FESTIVAL DI MUSICA POPOLARE DI FORLIMPOPOLI

FIGLI D'ARTE, FRATELLI DI FOLK
Forlimpopoli e Bertinoro 30/31 Agosto 1 Settembre 2013




Una delle peculiarità della musicapopolare, in tutte le culture e in tutti i continenti, è stata, nei secoli, la trasmissione orale. Questa modalità ha consolidato l'uso di trasmettere l'ancestrale sapere musicale all'interno di una ristretta cerchia di persone, spesso all'interno della famiglia.
Si sono create cosi', a volte, vere e proprie piccole dinastie di suonatori che hanno lasciato la propria traccia nella memoria delle proprie comunità di riferimento.

E' proprio a queste persone che la XIX edizione del Festival vuole rendere omaggio anche se, come al solito, cerca di farlo con la chiave di lettura dell’attualità.
Per questo, sul palco di questa nuova edizione, la Folkestra di Bricherasio che oltre ad essere giovane (per data di costituzione e per età media dei componenti) sorella dell'Orchestrona della Scuola di Musica Popolare, vede, fra i suoi componenti, ben quattro coppie di fratelli musicisti, primi fra tutti i fratelli Bottasso, organettista il primo, violinista il secondo, che oggi, si esibiscono regolarmente in duo dopo che, in famiglia, i genitori avevano detto che un organettista, in casa, era più che sufficente.
Per questo I Liguriani, fra le cui fila milita Filippo Gambetta, cresciuto in una casa abitata dalla musica, grazie al padre Beppe, celebre chitarrista Blues ed alle sue tante frequentazioni musicali quali, ad esempio, Riccardo Tesi, divenuto in quegli anni, maestro di organetto di Filippo.
Per questo il Canzoniere Grecanico Salentino, fondato nel 1975 dalla scrittrice Rina Durante e guidato al successo, dal palco della Notte della Taranta al Womex fino agli Stati Uniti, oggi, da Mauro Durante, figlio di Daniele Durante e Rossella Pinto, presenti nel gruppo fin dalla fondazione, dai quali ha ricevuto il testimone nel 2005.

Figli d'arte, Fratelli, di Folk, Fratelli di musica: figli e fratelli in senso veramente biologico a volte, in senso artistico in altre;
una storia di legami forti, costruiti nel tempo, come quello fra la Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli e la Scuola Musicale di Bertinoro, che, da dieci anni, contribuiscono, assieme, ognuna con le proprie competenze, alla costruzione del JCE Network festival.
Il nostro festival non ha mai voluto essere uno dei tanti folk festival dei quali l’Italia si dissemina in estate. Abbiamo invece voluto mantenere un carattere tematico, seppure con l’elasticità che una manifestazione pubblica estiva impone ; ventisette anni fa a Forlimpopoli iniziarono a palpitare i cuori della scuola e del festival : allora c’erano grandi maestri che fungevano da pionieri della ricerca e della riproposta sulla musica etnica. Pionieri che hanno figliato, creato nuovi ricercatori, compositori, reinventato ancora.
Lo studio della musica folklorica ha creato e creerà ancora una banca dati inesauribile, che non finirà mai di nutrire il genio e l’originalità di chi oggi si accinge a proporre nuovi tesori : tesori che saranno poi studiati e gustati dalle nuove generazioni e, ancora, dai nuovi figli del domani.

Marco Bartolini, Marco Tadolini
Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli

Forlimpopoli Agosto 2013
Ecco, infine, il programma dettagliato e la presentazione (clikka su leggi tutto)


VENERDI' 30 AGOSTO
ore 21.15
Arena Cinema “Verdi”
Piazza Fratti Forlimpopoli
In collaborazione con Arena Verdi – Gestione Vitali
ASPETTANDO IL FESTIVAL AL CINEMA
proiezione di
QUARTET

Regia Dustin Hoffman; con Maggie Smith - Tom Courtenay - Billy Connolly - Pauline Collins - Michael Gambon - Anno 2013 - 95 min.
Cecily, Reggie e Wilfred sono tre anziani cantanti d’opera che vivono a Beecham House, una casa di riposo per artisti, e si preparano ad organizzare il consueto concerto annuale, di raccolta fondi per la loro residenza, che si svolge in occasione del compleanno di Verdi. A rompere questo equilibrio arriva però Jean, ex moglie di Reggie, che si crede ancora una diva e si rifiuta di cantare.

Ingresso: Interi € 5,50 ridotti 3,50

VENERDI' 30 AGOSTO
Dalle 22.30
Piazzetta ex Carceri Via Frangipane
Bertinoro
In collaborazione con Comune di Bertinoro
FRICO' DA BALLO
Il Festival di Musica Popolare a Fricò Royal
Gli artisti presenti al Festival si presentano in anteprima in uno spazio dedicato all'interno dell'edizione 2013 di Fricò Royal.

Ingresso: Gratuito


SABATO 31 AGOSTO
ROCCA DI FORLIMPOPOLI
alle ore 21,00

FOLKESTRA & FOLKORO di BRICHERASIO: un’orchestra giovane e presa bene

La Folkestra Bricherasio è un’orchestra che prende forma nel 2009 come sviluppo di un progetto formativo di musica tradizionale d’insieme, sotto la direzione dell’organettista e flautista Simone Bottasso, coadiuvato dal violinista Nicolò Bottasso.
L’ordito su cui s’intesse il progetto Folkestra è la passione per la musica tradizionale, la quale viene rivisitata ed arricchita da un’innovativa veste orchestrale: il variegato repertorio comprende brani provenienti dalla musica tradizionale del Piemonte e delle Valli Occitane, melodie della cultura francese e composizioni degli stessi musicisti dell’orchestra.
Fanno parte dell’orchestra musicisti giovani e talentuosi, alcuni di loro professionisti, abbracciando strumenti legati strettamente al mondo del folk, come ghironde, organetti, cornamuse, archi, mandolino, ed altri più contemporanei, tra cui flauti, sax, clarinetti, batteria, chitarra e basso.
Su una solida base di melodie ed arrangiamenti evocativi si tesse una trama di impegno e passione, di relazioni personali, di unione, di momenti seri e scherzosi, di attimi conviviali accompagnati da una sana cucina casalinga, di notti insonni e piedi scalzi, di determinazione, tenacia e grandi soddisfazioni, creando un tessuto sonoro di grande valore.
Folkestra Bricherasio si mostra dunque capace di unire in modo naturale mondi apparentemente lontani, creando relazioni musicali e personali basate sull’ascolto e sulla conoscenza di musiche, realtà e culture differenti, e sogna di confezionare con questo pregiato tessuto un abito sonoro che sfilerà in Europa.

IL DUO BOTTASSO
I fratelli Bottasso, Nicolò al violino e Simone all'organetto, propongono uno
spettacolo di musica da ballo spontanea, fatta di emozioni e improvvisazioni. Reinterpretando musiche appartenenti alla tradizione popolare o nuove composizioni di musicisti folk e non, il duo è sempre alla ricerca di una mediazione tra l'intima delicatezza che li caratterizza e la grande energia giovanile che non manca mai ai due musicisti: tutto questo unito alla complicità propria di due fratelli legati dalle stesse passioni e dalla voglia di comunicare emozioni attraverso la propria musica.

Il duo ha partecipato ad importanti festival di musica tradizionale, tra cui il Festival International de Luthieres et Maitres Sonneurs di Saint Chartier (2009), Festival Damada (2007) e partecipa attivamente in qualità di direttori artistici e docenti ad un progetto di musica d’insieme orchestrale chiamato Folkestra Bricherasio.

Ingresso: Interi € 8,00 ridotti 6,00

DOMENICA 1 SETTEMBRE
PIAZZA DELLA LIBERTà
BERTINORO
Ore 16,30
Nell'ambito della Festa dell'Ospitalità
L'ORCHESTRONA DELLA SCUOLA DI MUSICA POPOLARE
Concerto a ballo

Ingresso gratuito



DOMENICA 1 SETTEMBRE
ROCCA DI FORLIMPOPOLI
Ore 21

I LIGURIANI

Capitanati dall'organettista Filippo Gambetta, figlio del celebre chitarrista folk genovese Beppe Gambetta, i Liguriani presentano uno spettacolo dove, attraverso la parola e i suoni, vengono evocate le immagini e i sentimenti della cultura e della storia ligure. Salpando proprio dalla lanterna di Genova, luogo di partenza e di agognato ritorno che per le genti liguri rappresenta da sempre “casa”, un viaggio immaginario ci porta attraverso antiche istantanee di Liguria che svelano usi, tradizioni e tematiche di questa gente, stretta tra monti scoscesi e le onde del mare, chiusa per territorio e carattere, ma da sempre aperta al contatto con altri popoli, visitati o giunti a visitarla proprio attraverso il mare.
Il repertorio dei Liguriani è quindi vario e diverso, come diverse sono le anime che lo influenzano e, partendo dalla nostra terra, approda anche nei luoghi dove gli emigranti liguri si sono stabiliti. Le melodie strettamente liguri vengono proposte insieme ad altre tipologie di brani legati alla tradizione di zone limitrofe, quali le malinconiche Mazurche e le vivaci Monferrine del Piemonte, oppure i languidi Walzer di luoghi culturalmente affini alla Liguria come la Francia.

ore 22,00

CANZONIERE GRECANICO SALENTINO

Guidato dal tamburellista e violinista Mauro Durante, che ha ereditato la leadership dal padre Daniele nel 2007, affiancato da Emanuele Licci, anche lui figlio di uno dei fondatori del Canzoniere Grecanico Salentino negli anni '70, il CGS continua a innovare e a rappresentare la musica italiana nel mondo, collaborando con artisti del calibro di Ludovico Einaudi, Piers Faccini, Ballake Sissoko, Ibrahim Maalouf, Fanfara Tirana, Stewart Copeland dei Police, e portando la voce di un territorio musicale che con la pizzica ha sempre manifestato la propria identità.
A soli 26 anni Mauro Durante è assistente musicale del maestro concertatore della Notte della Taranta Ludovico Einaudi, lavorando alla creazione e alla produzione artistica dello spettacolo al fianco del celebre maestro.
Il Canzoniere apre il Concertone della Notte della Taranta a Melpignano, esibendosi di fronte ad oltre centomila persone.
Acclamato da pubblico e critica con 17 album e innumerevoli spettacoli tra Stati Uniti, Canada, Europa e Medio Oriente, il gruppo ha fatto la storia della world music italiana, venendo riconosciuto nel 2010 dal MEI come Miglior Gruppo Italiano di Musica Popolare

La band è composta da Mauro Durante (voce, percussioni, violino), Maria Mazzotta (voce), Silvia Perrone (danza), Giulio Bianco (zampogna, armonica, flauti e fiati popolari, basso),  Massimiliano Morabito (organetto), Emanuele Licci (voce, chitarra, bouzouki), Giancarlo Paglialunga (voce, tamburieddhu).

Ingresso: Interi € 8,00 ridotti 6,00

DURANTE IL FESTIVAL
Forlimpopoli, Centro Culturale Polivalente, Piazza Fratti
31 agosto - 01 settembre dalle 20,00 alle 24,00

MOSTRE

LA SCUOLA ED IL FESTIVAL DI MUSICA POPOLARE
1986 / 2013 XXVII anni di internazionalismo
a cura di Marco Tadolini

CIMITERI URBANI
Installazioni fotografiche e performance
a cura di CASS 'Collettivo Abbandonato a Sè Stesso'

Direzione artistica:
Marco Bartolini
Marco Tadolini
per Scuola di Musica Popolare Forlimpopoli

RISTORAZIONE
Durante le serate del 30/31 Agosto e del 1 Settembre sarà attivo in Piazza Garbaldi un servizion di ristorazione gestito dalla PROTEZIONE CIVILE di Forlimpopoli
Possibilità di cenare con uno speciale MENU' FESTIVAL

METTI IN CIRCOLO CULTURA 2013
In collaborazione con Cinema Teatro Verdi
Acquista un ingresso presso:
Arena Cinema Verdi di Forlimpopoli http://www.cinemaverdi.it/
durante tutta la programmazione dell'Arena e conserva il biglietto.
Presentandolo alla biglietteria del JCE Network Festival avrai diritto ad un ingresso ridotto
Conserva il biglietto del Festival di Musica popolare, presentandolo alla biglietteria del « Cinema Verdi » di Forlimpopoli avrai diritto ad un ingresso ridotto.


Info e programmi dettagliati: www.musicapopolare.net - www.bertinoromusica.it
e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel: +39 338 3473990 - +39 0543 444621
Skype: musicapopolare

Il Festival di Musica Popolare di Forlimpopoli è organizzato da:
Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli

In collaborazione con:
JCE Network Festival
Scuola Musicale Dante Alighieri di Bertinoro
Associazione Bruno Maderna
Protezione Civile Forlimpopoli
CASS Collettivo Abbandonato a Se Stesso
Associazione Me.Cu.Ma Forlimpopoli
Cinema Teatro “Verdi” Forlimpopoli (Gestione Vitali)

Media partner:
MEI SUPERSOUND 2.0
LA MUSICA NELLE AIE – CASTEL RANIERO FOLK FESTIVAL
Hits: 1355
0

Posted by on in Aggiornamenti
banner_rettangolare












Il programma completo della 16° edizione di Voci per la Libertà Una Canzone per Amnesty

La XVI edizione di Voci per la Libertà entra nel vivo con la fase live: dal 19 al 21 luglio 2013 sul palco del festival si svolgono semifinali e finali per eleggere il Premio Amnesty Italia Emergenti e consegna del Premio Amnesty Italia al brano "Gerardo nuvola 'e polvere".


Due le sedi principali della manifestazione, entrambe in provincia di Rovigo e nei pressi di Rosolina: i lidi di Rosolina Mare, terra di più recente formazione in Italia, e Albarella, perla del Parco del Delta del Po con i suoi 10 km di litorale circondato dall'acqua delle valli e del mare Adriatico, in gran parte coperto da una fitta e rigogliosa pineta.


VENERDÌ 19 LUGLIO, l'isola di Albarella (Ro), località balneare esclusiva e suggestiva, dotata di strutture dedicate al divertimento e al relax, ospita presso il Centro Sportivo il concerto del cantautore catanese Mario Venuti, il cui successo iniziale è dovuto all'esperienza coi Denovo e alla collaborazione con Carmen Consoli in "Amore di plastica" e "Mai come ieri", ma poi ha saputo affermare il proprio nome grazie ad uno stile musicale raffinato e coinvolgente.


Prima di lui sul palco la serata di apertura della gara canora dove quattro artisti si sfidano a suon di note e diritti: Durden and The Catering (Rock, indie, pop di Roma), Michelangelo Giordano (Pop etnico di Milano), Shapes of Sound (Smooth jazz di Rovigo) e Andrea Dodicianni (Cantaumorale di Venezia).


Dalla seconda serata la manifestazione si trasferisce a Rosolina Mare (Ro), luogo ideale per trascorrere le vacanze coccolati dalle bellezze naturali del Po e dalla piacevolezza dell'Adriatico con tutte le sue strutture dedicate allo svago e al ristoro di corpo e spirito.


Presso il Piazzale Europa e il Centro Congressi si svolgono le ultime due serate dell'evento, il 20 e il 21 luglio, con la seconda semifinale del concorso che vede esibirsi Leo Miglioranza (Canzone d'autore di Treviso), Gàmesh (Electro Pop Rock di Rovigo), Frida Neri (Cantautorato di Pesaro Urbino), Syncage (Progressive Rock di Vicenza) e con la finale che elegge il Premio Amnesty Italia Emergenti attraverso il giudizio di un'autorevole giuria di addetti ai lavori.


Due i big in campo a Rosolina Mare: SABATO 20 LUGLIO si esibiscono come headliner iMarta sui tubi, proponendo la loro personalissima Canzone d'Autore, ricca di grinta folk-rock e dai testi sagaci, che li ha resi famosi fin dal primo album "Muscoli e dei" nel 2003 e che oggi è ancora più conosciuta grazie alla loro presenza sulla ribalta sanremese lo scorso febbraio con "Vorrei".


DOMENICA 21 LUGLIO Enzo Avitabile in persona e Francesco Guccini in modo virtuale ritirano dalle mani di Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia, il Premio Amnesty Italia vinto grazie al brano "Gerardo nuvola 'e polvere", scritto a quattro mani e dedicato ai migranti, troppo spesso invisibili nella società, vittime di soprusi, ingiustizie e discriminazioni.


Nel tardo pomeriggio di domenica 21 gli stessi cantautori, assieme a rappresentanti di Amnesty International Italia, delle istituzioni locali e di Voci per la Libertà, sono i protagonisti della conferenza stampa aperta al pubblico per spiegare la storia della canzone vincitrice e quali diritti umani va ad evidenziare.


 Tutte e tre le serate hanno presentatori d'eccezione: Savino Zaba, conduttore di trasmissioni radiofoniche e televisive (Radio2, Rai Uno) e Carmen Formenton, esponente di Voci per la Libertà.


Legato al brano vincitore del Premio Amnesty Italia, "Gerardo nuvola 'e polvere", è la campagna di Amnesty International Italia che caratterizza questa XVI edizione con una mostra fotografica ed un documentario: in rilievo le condizioni dei lavoratori migranti e le scelte politiche italiane nei confronti degli irregolari, volte a stigmatizzare gli immigrati ritenendoli minacce per la sicurezza, lasciandoli così facili vittime dello sfruttamento nell'ambito del lavoro nero e favorendo l'illegalità.


La mostra fotografica "Adolescenza negata, Storie di giovani migranti", firmata da di Alessandro Penso viene inaugurata GIOVEDÌ 18 LUGLIO alle ore 21.00 presso il Centro Congressi a Rosolina Mare (Ro) alla presenza dell'autore stesso e del presidente di Amnesty International Italia Antonio Marchesi. Il film scelto per riflettere sul tema, invece, è "Il sangue verde" di Andrea Segre e viene proiettato al termine della cerimonia di apertura dell'esposizione.


 



 http://www.vociperlaliberta.it/


Hits: 1017
0

Posted by on in Aggiornamenti

Imola in Musica 2013


7 - 8 - 9 giugno



Tre giorni per vedere, ascoltare e gustare una città


“Imola in Musica” si ripropone per la sua diciottesima edizione con un rinnovato ed articolato programma di appuntamenti.

Ancora una volta il centro storico della città diventa un grande palcoscenico per tanti generi musicali, in un importante ed atteso momento collettivo di cultura, incontro e partecipazione. 

I palchi presenteranno come al solito artisti nazionali e conosciuti a fianco di esperienze locali, allievi delle scuole di musica e giovani emergenti. Le strade saranno animate da artisti e gruppi spesso estrosi ed innovativi.
I principali monumenti e ‘gioielli’ cittadini saranno aperti e visitabili con apposite visite guidate tematiche.
Mostre ed altri appuntamenti completeranno la proposta che con le ‘anteprime’ comprenderà quest’anno ben 10 giorni.

All’organizzazione hanno contribuito tanti soggetti (musicisti, associazioni, esercizi commerciali ed aziende, sponsor, volontari, etc) per un progetto complesso, ma condiviso in un momento economico certamente non facile. Tra i numerosi appuntamenti ricordiamo il concerto degli STADIO che è dedicato ai loro 30 anni di carriera, la presentazione in anteprima dell’IMOLA CHAMBER ORCHESTRA dell’Accademia Pianistica e la prima edizione dellaNOTTE DELLA TRESCA, incentrata sulle tradizioni popolari a ballo della nostra Regione.

Un saluto speciale agli ospiti camperisti che hanno scelto “Imola in Musica” per lo svolgimento dell’assemblea nazionale di Confedercampeggio e per celebrare il 50.o dell’associazione regionale campeggiatori.

BUONA “IMOLA IN MUSICA” A TUTTI!


Cos’è Imola in musica

La manifestazione nasce nel 1996 con l’ambizione di offrire a tutti gli appassionati di musica l’occasione di gustare un programma ricco di eventi musicali del tutto particolare per la sua eterogeneità e in maniera del tutto gratuita. La manifestazione, organizzata dagli Assessorati Cultura, Progetto Giovani e Turismo del Comune di Imola, si svolge nel centro storico di Imola all’inizio di giugno. 

Nel corso degli anni si è arricchita di momenti culturali differenziati trasformandosi in un progetto molto articolato che prevede concerti di ogni genere (dalla musica leggera al rock, dalla classica alla lirica, dal jazz al popolare, etc.) con musicisti provenienti anche dall’estero, accompagnati da performance artistiche quali la danza e il ballo, la pittura e le mostre, che pervadono la città attraverso i suoi luoghi più suggestivi.

La manifestazione è diventata un punto di riferimento importante per Imola ed il suo territorio, portandola sulla scena nazionale grazie all’originalità e all’innovazione di un programma che è capace di evolvere e presentare sempre nuove attrattive a chiunque si accosti per la prima volta a questo evento. Lo slogan che accompagna Imola in Musica è anche la sua rappresentazione più autentica, perché ne sottolinea la varietà dell’offerta culturale: “Tre giorni per vedere, ascoltare e gustare una città”.

Il programma apre allo spettatore numerose possibilità di intrattenimento, tra concerti (si è arrivati a presentarne una cinquantina in location suggestive quali cortili, piazze, giardini ed edifici storici), artisti di strada, visite guidate per la città, mostre ed installazioni, proposte enogastronomiche, animazioni ed aperture al pubblico, per l’occasione, di luoghi storico-architettonici tra i più pregiati. 


Grazie alle molteplici forme di intrattenimento ed alla presenza di importanti nomi del panorama musicale che si sono avvicendati sulla scena imolese (per esempio: Roberto Vecchioni, Irene Grandi, Simone Cristicchi, Orchestra di Piazza Vittorio, Pino Daniele, Edoardo Bennato, Gianluca Grignani, Quinto Rigo, Eugenio Finardi, Luca Carboni, Nina Zilli, Francesco De Gregori, Fiorella Mannoia) la manifestazione ha richiamato un pubblico sempre più ampio e diversificato (l’edizione 2012 ha avuto una partecipazione stimata sulle 90.000 presenze).

Nel programma si dà ampio spazio anche ad artisti e gruppi musicali giovanili, a nuove proposte, agli allievi delle scuole di musica ed a momenti vari di interculturalità. Tra i vari partner della manifestazione da ricordare il MEI (Meeting degli Indipendenti) con cui si condivide l'impegno per la produzione musicale indipendente e di qualità.

Dal 2006 viene assegnato un premio speciale "Imola in Musica" riservato a musicisti emiliano romagnoli distintisi per coniugare le tradizioni locali a forme contemporanee di musica. Imola in Musica ha inoltre un bando aperto a gruppi e musicisti per offrire loro la possibilità di suonare come ‘buskers’ nelle strade del centro storico.


Franco Benni

 

La Musica nelle Aie segnala particolarmente:


Etnica-popolare | 07 Giugno 2013

MERCATO ORTOFRUTTICOLO
ORE 20.30 


I suoni della terra dalle aie al mercato
QUINZAN in concerto

Una iniziativa del Mercato della Terra di Slow food


Etnica-popolare | 09 Giugno 2013

PIAZZA GRAMSCI
ORE 20.30 


La notte della tresca
La grande tradizione dei balli popolari dell’Emilia-Romagna, con
I SUONATORI DELLA VALLE DEL SAVENA, LA CARAMPANA, LA VIOLINA, L’UVA GRISA, SUONABANDA
e la partecipazione dei numerosi gruppi di ballo della Regione
Serata dedicata a Melchiade Benni


e i musicisti di strada:


venerdì 7

Tizo Bononcini (premio Mei a Musica nelle Aie 2013)


sabato 8


Krasì

Taverna de Rodas (premio del Pubblico a Musica nelle Aie 2013)


domenica 9

Marcabru (Vincitori Musica nelle Aie 2o13)



Il programma completo di Imola in Musica potete trovarlo sul sito


Hits: 1175
0
31 MAGGIO/1 GIUGNO 2013 BUONASERA BEVITORI BUONANOTTE SUONATORI La REPUBBLICA DELLA MUSICA RADDOPPIA
Locandina A3 tr

dopo tanti anni di … “una botta e via”, quest'anno, la Festa della SMP raddoppia e diventa
...
LA REPUBBLICA DELLA MUSICA

Buonasera Bevitori...
...Buonanotte Suonatori

Forlimpopoli 31/05 - 01/6 2013

DALLE 20 ALLE 24

DUE SERATE DI MUSICA, EDITORIA, COMMERCIO EQUO SOLIDALE, VOLONTARIATO, LOTTA ALLE MAFIE E … TANTO, TANTO, TANTO DIVERTIMENTO



con Macola & Vibronda, Innaunbaioc,NATURAL VIBRATION . Filippo Fiorini e Stefano Muccini, Dj set di Maui (il 31 Maggio)

e con gli allievi ed i maestri della Scuola di Musica Popolare (il 1 Giugno – recupero il 2 Giugno in caso di maltempo)


Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli
Circolo Arci I Bevitori Longevi
in collaborazione con:
Me.Cu.Ma.
Arci, Libera, Supersound 2.0,
Il pane e le Rose, Barcobaleno,
Musica nelle Aie
Amnesty International,
Makalala, Equamente… e tanti altri

VI ASPETTIAMO!
Hits: 1373
0


Lo scorso lunedì 13 maggio si è riunita nella sede centrale di Roma la nuova Commissione della Sezione Musica della SIAE - Società Italiana degli Autori e degli Editori, l'ente pubblico economico a base associativa che in Italia è deputato ad amministrare i diritti d'autore in nome e per conto di tutti gli autori ed editori.


Nominata dal Consiglio di Sorveglianza presieduto da Gino Paoli , la nuova Commissione è costituita da soli 10 membri, di cui 5 in rappresentanza degli Autori e 5 in rappresentanza degli Editori, in ottemperanza a quanto disposto dal nuovo Statuto col quale si sono tenute le elezioni nazionali.

Gli Autori designati per la Commissione Musica sono Mario Lavezzi, Valeriano Chiaravalle, Paolo Corsi, Pino Massara, Cristiano Minellono,  mentre gli Editori sono Roberto Razzini (Warner), Claudio Buja (Universal), Massimo Benini (Irma), Anna Galletti (Galletti-Boston), Piero Colasanti (Emergency ): un manipolo di esperti di musica e di diritto d'autore.

All'unanimità tale Commissione ha nominato Mario Lavezzi come Presidente e Anna Galletti come Vice-presidente. Mario Lavezzi non ha bisogno di presentazione: alla sua vena compositiva si devono alcune delle hit di Ornella Vanoni, Gianni Morandi, Eros Ramazzotti, Loredana Bertè, Anna Oxa.

La faentina Anna Galletti è l'unica romagnola ed anche l'unica donna a far parte di questa Commissione che è chiamata definire gli aspetti culturali e ripartitori  dell'intera Sezione Musica, la più numerosa come associati (oltre 90.000) e come redditività (oltre il 75% del fatturato dell'ente).

Per Anna è stata una riconferma in quanto da numerosi anni riveste incarichi negli Organi Sociali della SIAE (Assemblea, Commissioni, Comitati), ma per la prima volta riveste il ruolo di vice-presidente.

Anna Galletti è contitolare, insieme alla sorella Alessandra, delle storiche edizioni musicali Galletti-Boston, fondate dal padre Angelo nel 1946. Edizioni specializzate nella musica da ballo, hanno un ampio catalogo disponibile anche a livello discografico e digitale (sono state le prime edizioni musicali italiane ad aprire un sito internet più di dieci anni fa www.galbost.com).

La Galletti-Boston collabora da anni con La Musica nelle Aie 

Hits: 1244
0
A Enzo Avitabile e Francesco Guccini il Premio Amnesty Italia 2013

"Gerardo Nuvola 'e povere" di Enzo Avitabile e Francesco Guccini, è il brano vincitore dell'undicesima edizione del Premio Amnesty Italia, indetto nel 2003 dalla Sezione Italiana di Amnesty International e dall'Associazione culturale Voci per la Libertà per premiare il migliore brano sui diritti umani pubblicato nel corso dell'anno precedente.
Nelle scorse edizioni il premio era stato assegnato a "Il mio nemico" di Daniele Silvestri, "Pane e coraggio" di Ivano Fossati, "Ebano" dei Modena City Ramblers, "Rwanda" di Paola Turci, "Occhiali rotti" di Samuele Bersani, "Canenero" dei Subsonica, "Lettere di soldati" di Vinicio Capossela, "Mio zio" di Carmen Consoli, "Genova brucia" di Simone Cristicchi e "Non è un film" di Fiorella Mannoia e Frankie HI-NRG.

La premiazione avrà luogo sul palco di Rosolina Mare (Rovigo) domenica 21 luglio, nel corso della serata finale della XVI edizione di Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty, festival che inizierà il 19 luglio.


"Ho voluto raccontare la storia di Gerardo, un ragazzo di Maddaloni, che lascia la sua terra, la sua casa, la sua famiglia per trovare inaspettatamente e prematuramente la sua fine sul lavoro. Morti bianche? Si, anche, ma è la storia di tutti i fuori di vista di ogni punto a svantaggio del mondo, che pur credendo nei sogni e nelle probabilità, devono fare i conti con i soprusi, le ingiustizie e le discriminazioni, di cui ogni giorno la storia del mondo ne é testimone da sempre. Un requiem a tutti i 'nessuno' che in questo loro passaggio da uomo non hanno nome e volto: nuvole di polvere" – ha dichiarato Enzo Avitabile.


"La storia l'ha ideata e proposta Enzo: è quella di un uomo del sud costretto a lasciare la propria casa per un lavoro al nord, in un mondo estraneo e lontano dalla propria terra. Io mi sono immedesimato in un conoscente del protagonista: il mio personaggio sapeva per certo che Gerardo era una brava persona e un valido lavoratore. Ho riflettuto su quali potessero essere i pensieri di colui che assiste alle difficoltà e al destino davvero duro di un altro uomo e, sentendo le sue traversie così vicina, ho scelto di interpretarli in modenese, la mia lingua" – ha aggiunto Francesco Guccini.


"In questo brano bidialettale c'è la difficoltà della migrazione, del ripartire da zero, lasciando a casa lingua, memoria, affetti, radici. Ripartire è un paradigma dell'esperienza che conduce a una esplorazione di nuovi luoghi ma anche di nuovi paesaggi interiori e non è mai indolore. Nel caso di Gerardo Nuvola di polvere, quest'esplorazione si chiude con la morte sul lavoro, di lavoro. Una fine non inconsueta, purtroppo" – ha affermato Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia.

La canzone vincitrice è stata scelta da una giuria specializzata comprendente Giò Alajmo (Il Gazzettino), Luca Barbieri (Corriere del Veneto), Alessandro Besselva Averame (Il Mucchio), Francesca Cheyenne (RTL 102.5), Gianmaurizio Foderaro (Radio 1), Giorgio Galleano (Rai 3), Federico Guglielmi (Il Mucchio, Audioreview), Michele Lionello (Voci per la Libertà), Enrico Maria Magli (Radio 1, Deejay TV), Carlo Mandelli (Ansa, Il Giorno), Riccardo Noury (Amnesty International), Andrea Riscassi (Tgr, Annaviva), Alessandra Sacchetta (RaiNews), Giordano Sangiorgi (Meeting degli Indipendenti), Renzo Stefanel (Rockit), Giulia Caterina Trucano (Rolling Stone), Christine Weise (Amnesty International) e Savino Zaba (Rai 1, Radio 2).


Gli altri artisti in concorso quest'anno erano:
Eros Ramazzotti "Io sono te" dall'album "Noi"
Litfiba "Anarcoide" dall'album "Grande nazione"
Mariella Nava "In nome di ogni donna" dall'album "Tempo mosso"
Marina Rei "Qui è dentro" dall'album "La conseguenza naturale dell'errore"
Nobraino "Il mangiabandiere" dall'album "Disco d'oro"
Paola Turci "Figlio del mondo" dall'album "Le storie degli altri"
Piotta "Metto in discussione" dall'album "Odio gli indifferenti"
Radiodervish "In fondo ai tuoi occhi" dall'album "Dal pesce alla luna"
Teatro degli Orrori feat Caparezza "Cuore d'oceano" dall'album "Il Mondo Nuovo"




"Gerardo Nuvola 'e povere"
di Enzo Avitabile e Francesco Guccini dall'album Black tarantella

Gerardo faceva 'o favvrecatore,
viveva a Modena ma era terrone.
A sera quann ferneva 'e faticà
trasmetteva a Radio Popolare.
Anarchia sarà n'utopia e basta,
Proudhon, Bakunin e Malatesta,
'o subcomandante, 'o capitale
Marx, 'o lavoro, 'a giustizia sociale.

Ce stavano na vota 'e comunisti
'e sindacati ca facevano 'o riesto
mo è n'alleanza a tradimento
na' politica ca' nun port'a niente.
Progetti 'e miliardi inesistenti
tasse a coppa a tasse ncopp' e spalle d''a ggente,
mistificazione e contraddizione,
l'urna pronta p''a cremazione

Ero venuto p'faticà
non ero venuto p'murì,
quattro figli, na mugliera 'a carico
na cascia 'e zinco p'me ne ji.
Ero venuto p'accumincià,
nun ero venuto p''e fernì
a Maddaloni in vitam aeternam
requiescat in pace amen.

Sé, me a l cgnusiva quali che vò a gìi, e a mè a m pariva ónn a pòst, buon;
a s'ciamèva, l'u m pèr, Gerardo, a cradd ch' a l fóss un murador.
Mè a i era sol al so frutarol ma i era amigh cun cal teroun
perché a n n'era mia 'na ligéra, ma 'na persouna cun un gran còr

Gerardo faceva 'o favvrecatore,
viveva a Modena ma era terrone.
A sera quann ferneva 'e faticà
trasmetteva a Radio Popolare.
Ma senza alcuna protezione
caduto sul lavoro,
morta janca prematura,
sott' 'a na nuvola 'e polver'.

Ero venuto p'faticà
non ero venuto p'murì,
quattro figli, na mugliera 'a carico
na cascia 'e zinco p'me ne ji.
Ero venuto p'accumincià,
nun ero venuto p''e fernì
a Maddaloni in vitam aeternam
requiescat in pace amen.

A 'n n'è mia facil lasèr la cà per catèr che só da lavurer
lasér paes, i fióo, la muliéra, lsér dialatt, lasér la vida
e vignir fin chè fra d'la ginta estranea senza capir al lor ciacarer
Catèr lavor o catèr la mort? Totta la storia l'è bele finida

Sò venuto p' faticà
nun so venuto p' murì
quattro figli, na mugliera 'a carico
na cascia 'e zinco p'me ne ji.
So venuto p'accumincià,
nun so venuto p''e fernì
a Maddaloni in vitam aeternam
requiescat in pace amen.

A 'n n'è mia facil lasèr la cà per catèr che só da lavurer
lasér paes, i fióo, la muliéra, lsér dialatt, lasér la vida
e vignir fin chè fra d'la ginta estranea senza capir al lor ciacarer
Catèr lavor o catèr la mort? Totta la storia l'è bele finida



Versione italiana dal libretto del disco
GERARDO NUVOLA DI POLVERE
Gerardo faceva il muratore
viveva a Modena ma era terrone
La sera quando finiva di lavorare
trasmetteva a Radio Popolare.
Anarchia sarà solo un'utopia
Proudhon, Bakunin e Malatesta,
il subcomandante, il capitale,
Marx, il lavoro, la giustizia sociale.

C'erano una volta i comunisti,
e i sindacati facevano il resto;
oggi è un'alleanza a tradimento
una politica che non porta a niente
Progetti di miliardi inesistenti
tasse sopra a tasse sulle spalle della povera gente
mistificazione e contraddizione
l'urna pronta per la cremazione

Ero venuto per lavorare
non ero venuto per morire,
quattro figli e una moglie a carico
una cassa di zinco per ritornare.
Ero venuto per iniziare
non ero venuto per finire
a Maddaloni in vitam aeternam
requiescat in pace amen.

Sì, lo conoscevo, quello che voi dite e mi sembrava uno a posto, buono,
si chiamava, mi sembra, Gerardo. Credo che fosse un muratore.
Io ero solo il suo fruttivendolo, ma ero amico con quel terrone
perché non era un poco di buono, ma una persona con un gran cuore.

Gerardo faceva il muratore
viveva a Modena ma era terrone
La sera quando finiva di lavorare
trasmetteva a Radio Popolare.
Ma senza alcuna protezione
caduto sul lavoro
morte bianca prematura
sotto una nuvola di polvere.

Ero venuto per lavorare
non ero venuto per morire,
quattro figli e una moglie a carico
una cassa di zinco per ritornare.
Ero venuto per iniziare
non ero venuto per finire
a Maddaloni in vitam aeternam
requiescat in pace amen.

Non è mica facile lasciare la casa per trovare quassù da lavorare
lasciare il paese, i figli, la moglie, lasciare il dialetto, lasciare la vita
e venire fino a qui fra della gente estranea senza capire il loro parlare
Trovare lavoro o trovare la morte? Tutta la storia è già finita.

Sono venuto per lavorare
non sono venuto per morire,
quattro figli e una moglie a carico
una cassa di zinco per ritornare.
Sono venuto per iniziare
non sono venuto per finire
a Maddaloni in vitam aeternam
requiescat in pace amen.

Non è mica facile lasciare la casa per trovare quassù da lavorare
lasciare il paese, i figli, la moglie, lasciare il dialetto, lasciare la vita
e venire fino a qui fra della gente estranea senza capire il loro parlare
Trovare lavoro o trovare la morte? Tutta la storia è già finita.
Hits: 1852
0