Login Form



La musica nelle aie

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Categories
    Categories Displays a list of categories from this blog.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Team Blogs
    Team Blogs Find your favorite team blogs here.
  • Login
    Login Login form
Recent blog posts

comunicato con preghiera di pubblicazione e diffusione

b2ap3_thumbnail_La-Musica-nelle-Aie---logo.jpg

La Musica nelle Aie 2016 - via al Bando del concorso musicale

Ciao a tutti, in questi giorni si è aperto il Bando rivolto a tutti i musicisti e musicanti folk che desiderano partecipare al concorso musicale che si svolgerà domenica 8 maggio a Castel Raniero - Faenza in occasione di La Musica nelle Aie 2016.

La novità di quest'anno è che il Premio Musica nelle Aie raddoppia, ci sarà il Premio Musica nelle Aie - Interpreti assegnato chi propone e rivisita brani della tradizione italiana e internazionale e il Premio Musica nelle Aie - Autori assegnato a chi esegue brani originali di propria produzione sia come testo e musica che solo testo o solo musica.

Per iscriversi è sufficiente andare sul sito www.musicanelleaie.it,scaricare il Bando, seguire le istruzioni e inviare la propria candidatura per email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

C'è tempo fino al 29 febbraio 2016



La Musica nelle Aie

organizzazione a cura di: APS “Castel Raniero”

http://www.musicanelleaie.it

http://www.facebook.com/pages/La-Musica-nelle-Aie/113040292071147

http://twitter.com/#!/musicanelleaie

http://www.youtube.com/user/LaMusicaNelleAie#p/a

 

 

La Musica nelle Aie - Castel Raniero in Festa

5- 6 - 7 - 8 maggio 2016

Castel Raniero - Faenza



In collaborazione con: Comune di Faenza, Regione Emilia Romagna, Feste e Sagre, GEV Faenza, MEI, Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, Voci per la Libertà, Imola in Musica, Blogfoolk, Radio Sonora, Radio Emilia Romagna, Setteserequi, il Ciô, Associazione Primola, Il Lavoro dei Contadini



Legge n. 196/2003 e successive integrazioni -Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali: gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio sono i mittenti di messaggi a noi pervenuti oppure provengono da richieste d’iscrizione pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati. Nella eventualità che questa e-mail vi fosse giunta per errore, o per qualsiasi altra ragione desideraste non usufruire più di questo servizio, inviateci una e-mail con oggetto “cancella”.











Hits: 3078
0

Posted by on in La Festa

il festival di chi ama la musica, di chi ama stare all'aria aperta, di chi ama il vino... ma soprattutto di chi ama queste cose tutte insieme

 

b2ap3_thumbnail_La-Musica-nelle-Aie---logo.jpg

 

Il desiderio di dare spazio alla musica che parla di terra ha portato alla nascita di questo folk festival che ha assunto in pochi anni una dimensione nazionale. 
I musicisti che suonano folk nella sua accezione più ampia trovano aie, strade e campi dove suonare in aperta campagna, nel verde delle colline di Castel Raniero. L’atmosfera che si crea è davvero unica e si va dalla sensazione della festa rurale che si crea in un’aia tra balli e vino alla meravigliosa dimensione solitaria della musica che vaga tra i vigneti e i campi di grano. È davvero possibile unire queste musiche con i boschi e le colline, la terra e i contadini, il vino e la gastronomia romagnola. Tutto questo è reso possibile grazie a organizzatori, musicisti, volontari e pubblico che partecipano allo stesso desiderio di ritrovare armonia e unità con la terra

#musicanelleaie2016

 

Hits: 1525
0

Posted by on in La Festa

il modo migliore per avvicinarsi alla prossima edizione è seguirci sui Social Network

Facebook  - La Musica nelle Aie, Twitter - @musicanelleaie,  YouTube - LaMusicaNelleAie

e ovviamente sul nostro sito www.musicanelleaie.it

vi aspettiamo belli e carichi come al solito

il 5 - 6 - 7 - 8 maggio a Castel Raniero - Faenza

belli e carichi come al solito!

#musicanelleaie2016

Hits: 1532
0

Posted by on in La Festa

tra qualche giorno parte il Bando per partecipare al concorso musicale di domenica 8 maggio,

tenetevi pronti! #musicanelleaie2016

Hits: 777
0

Posted by on in La Festa

tra qualche giorno parte il Bando per partecipare al concorso musicale di domenica 8 maggio,

tenetevi pronti! #musicanelleaie2016

Hits: 915
0

Posted by on in La Festa

La Musica nelle Aie - Castel Raniero in Festa

5 - 6 - 7 - 8 maggio 2016

Castel Raniero - Faenza

b2ap3_thumbnail_La-Musica-nelle-Aie---logo.jpg

 

#musicanelleaie2016

Hits: 3804
0

Posted by on in Collaborazioni

prende il via la 4a stagione di Taca Bagareta, il programma sulla musica popolare gestito da La Musica nelle Aie e trasmesso su Radio Web Sonora.

L'appuntamento è ogni mercoledì alle 2o,oo con replica al sabato sempre alle 20,00 e dal lunedì successivo sarà possibile scaricare ed ascoltare i podcast.

Per questa stagione proseguirà il viaggio nella musica folk delle regioni italiane a cura di Umberto Rinaldi, mentre Aldo Foschini proporrà una selezione di musiche folk ballabili provenienti da tutto il mondo.

b2ap3_thumbnail_logo-tacabagareta.jpg

Hits: 1170
0

Trent’anni a Pan e Musica ma ancora tanta voglia di imparare e trasmettere.

Il 2 Ottobre la SMP riapre i battenti, insegnanti che vanno e che vengono, tante certezze ma, come sempre anche tante gustose novità. In attesa delle sorprese, eccovi un appuntamento da non perdere e l’elenco dei corsi 2015 / 2016

 

STAY TUNED!

 

SCUOLA DI MUSICA POPOLARE

02 Ottobre 2015

Teatro Verdi
Centro Culturale Polivalente
Piazza Fratti Forlimpopoli

Serata di apertura dell’anno scolastico 2015/2016

Ore 21,00 Presentazione dei corsi e delle attività previste

 

Gli insegnanti saranno a disposizione per accordarsi sugli orari delle lezioni

 

Corsi  e Insegnanti 2015/2016

ARPA CELTICA E SALTERIO AD ARCO Antonella Pierucci / Andrea Fiumicelli

BANDONEòN Giampiero Medri

BATÁ Paolo Marini (Novità 2015)

BODHRAN IRLANDESECUCCHIAI Fiorenzo Mengozzi

BOMBARDA BRETONE Walter Rizzo

CHITARRA, TRES, UKULELE Filippo Lucchi

CHITARRA ACUSTICA/ELETTRICA BLUES Gianluca Bartolo (Novità 2015)

CLARINETTO Giampiero Medri / Andrea Branchetti

CLARINETTO BALCANICO Igor Niego (Da Marzo 2016)

CORNAMUSE E FLAUTI BULGARI E MACEDONI: GAIDA E KAVAL Igor Niego (Da Marzo 2016)

CORNAMUSE FRANCESI ED A IMPIANTO CELTICO Walter Rizzo

DIDJERIDOO Filippo Fiorini

FISARMONICA Bardh Jakova

FLAUTI TRAVERSI, FLAUTI DOPPI E FLAUTI COL TAMBURO (altobasso, campana, traccola, nacchere e putipù) Giorgio Pinai

GHIRONDA Walter Rizzo

OCARINA, FLAUTO DOLCE, FLAUTI IRLANDESI, Emanuela Di Cretico

ORGANETTO DIATONICO Giampiero Medri / Andrea Branchetti

OUD TURCO Marco Nervegna

PERCUSSIONI AFRO E LATINOAMERICANE: DARBOUKA, CONGAS, BONGOS, DJAMBÈ, TIMBALES Paolo Marini

PERCUSSIONI ARABE E MEDIORIENTALI: RIQ, DAF, BENDIR, DARABOUKA Igor Niego (Da Marzo 2016)

PLETTRI: MANDOLINO, MANDOLA, BANJO, BOUZUKI Fabio Briganti

SASSOFONO Giampiero Medri

SEGA MUSICALE Giampiero Medri

SITAR, RAGA DEL NORD INDIA Marco Nervegna

TABLA, TALA (Solfeggio ritmico Indiano) Alessandro Servadio

TAMBURELLI ITALIANI Corso introduttivo Andrea Branchetti (Novità 2015/2016)

TAMBURELLI E TAMMURRO – Tamburi a cornice italiani nelle loro varianti regionali Igor Niego (Da Marzo 2016)

UILLEANN PIPES Corso di base per cornamuse irlandesi a mantice Matteo Rimini

VIOLINO Gioele Sindona

VIOLINO POPOLARE Fabio Briganti

VIOLONCELLO Sebastiano Severi

ZAMPOGNA A CHIAVE ITALIANA Marco Tadolini

 

Corsi di Musica d’insieme (per strumentisti e principianti):

DAL BLUES TRADIZIONALE AL BLUES CONTEMPORANEO Gianluca Bartolo (Novità 2015)

LABORATORIO DI MUSICA PER CONCHIGLIE Antonio Coatti

LABORATORIO di MUSICHE DEI BALCANI : Bardh Jakova (Novità 2015)

MUSICHE DI AREA CELTICA Fabio Briganti

MUSICHE DEL CENTRO FRANCIA E BRETAGNA Walter Rizzo

ORCHESTRONA DELLA SCUOLA DI MUSICA POPOLARE Davide Castiglia

 

 

Corsi Collettivi:

LA CANZONE RINASCIMENTALE Dedicato all’interpretazione del repertorio vocale rinascimentale e del primo barocco Jule Bauer

LA VOCE CANTATA Corso di tecnica vocale e canto popolare Paola Sabbatani

PROGETTO PIRI PIRI Laboratorio avanzato di canto per quartetto vocale ispirato al lavoro di Giovanna Marini Paola Sabbatani (Da primavera 2016)

QUATTRO PASSI NEL FOLK Stile di coppia e di gruppo nelle danze Antonella Giorgini e Nadir Pepoli (Novità 2015/2016)

 

Corsi di propedeutica musicale per bambini e genitori

IMPARARE LA MUSICA GIOCANDO COL FLAUTO E TAMBURO PER BAMBINI DI ELEMENTARI E MEDIE Giorgio Pinai

MUSIC TOGETHER® CORSO DI MUSICA PER FAMIGLIE CON BAMBINI DA 0 A 5 ANNI

Marta Cupertino In collaborazione con TAKADUM A.S.D.

 

Corsi pluriennali:

EUROPEAN NYCKELHARPA NETWORK (Per viola d’amore a chiavi) Marco Ambrosini, Didier François, Annette Osann, Ditte Andersson, Jule Bauer In collaborazione con Akademie BURG FÜRSTENECK (Germania), Eric Sahlström Institutet (Svezia)

Workshop

MUSICISTI EMOZIONATI, LABORATORIO DI PRESENZA SCENICA E SOUNDPAINTING Fabio Ambrosini

 

PROSSIMAMENTE

SALA ARAMINI FOLK CLUB
Via Ghinozzi, 3 Forlimpopoli
ANTEPRIME STAGIONE 2015/16

Venerdì 9 Ottobre 2015 • Ore 21:00
Teatro Verdi, Forlimpopoli

Soundpainting Orchestra&Theatre
storie ed emozioni in concerto

La compagnia di improvvisazione teatrale On The Fly Theatre e il gruppo musicale Marcabru con il loro Folk randagio animeranno il Teatro di voci e suoni in un dialogo di emozioni con il pubblico.

Uno spettacolo nato e sviluppatosi a partire dal laboratorio MUSICISTI EMOZIONATI tenuto da Fabio Ambrosini alla Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli

Venerdì 30 Ottobre 2015 • Ore 21:00
Teatro Verdi, Forlimpopoli

GIULIO CANTORE & ALMADIRA
presentano in anteprima live il CD
TALEA

Giulio Cantore : Chitarra classica e voce
Stefano Fabbri : percussioni
Fabio Mina: flauto traverso, bansouri, doudouk

brani di “Talea”, parole e musica di Giulio Cantore, arrangiamenti di Almadira, registrati nel dicembre 2014.

Ospiti:
Gioele Sindona, violino (Per la pellaccia)
Ciro Montanari, tabla (Passo a passo)

 

Da ottobre 2015 a giugno 2016 corsi individuali, collettivi e stage

Iscrizioni sempre aperte, rivolgetevi alla segreteria

Tel.: +39 338 3473990

+ 39 0543 444621

 

Associazione Scuola di Musica Popolare, Piazza Fratti, 2 47034 Forlimpopoli (FC)

www.musicapopolare.net

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SKYPE: musicapopolare

Facebook: SCUOLA DI MUSICA POPOLARE di Forlimpopoli

per partecipare ai corsi è indispensabile l’adesione all’associazione

 

La Scuola di Musica popolare di Forlimpopoli è convenzionata con:

Cinema Teatro “Verdi” Forlimpopoli (Ingresso Ridotto ai soci SMP)

Circolo Arci I Bevitori Longevi (Sconto 10% 1° consumazione ai soci SMP)

Libreria La Bottega dell’Invisibile (Sconto 15% ai soci SMP

 

Con il contributo ed il patrocinio: Comune di Forlimpopoli

In collaborazione con

Associazione Gruppo Danza Forlimpopoli ASD

Associazione Takadum

Circolo ARCI I bevitori Longevi

Cinema teatro Verdi – Gestione Vitali

Musica nelle Aie – Castel Raniero

MEI Meeting degli Indipendenti- Faenza

Arci

 
Hits: 1460
0

Posted by on in Collaborazioni

b2ap3_thumbnail_image-0001.jpg

Hits: 1378
0

Posted by on in Collaborazioni

b2ap3_thumbnail_LA-PIAZZA-DEL-FOLK-mei2015.jpg

Al ‪#‎NuovoMEI2015‬ di Faenza il 3 e 4 Ottobre LA PIAZZA DEL FOLK

Il 3 e 4 Ottobre 2015 in occasione della sua nuova edizione il MEI di Faenza dedica una intera piazza al FOLK.
Un palcoscenico dedicato trasformerà Piazza XI Febbraio a Faenza in

LA PIAZZA DEL FOLK

 

Sul palco una selezione dei migliori Gruppi vincitori di contest nazionali ed alcune fra le formazioni più rappresentative del territorio per una due giorni tutta da ascoltare e BALLARE!

Ecco il programma dettagliato:

SABATO 3 OTTOBRE

17:00 Armonauti

18:00 Stage di Taranta

19.00 Danilo Vignola

20:00 Ballerini Cicognani

21:00 Lassociazione

21:45 Il Terronista

22:45 Swingari

23:45 Obelisco Nero

DOMENICA 4 OTTOBRE

15:00 L’ORCHESTRONA della Scuola di Musica Popolare – Forlimpopoli

16:00 Luca Bassanese e la Piccola orchestra popolare

17:00 Flame Parade

18:00 La Musica di Marcuofono

18:30 Baro Drome Orkestar

19,00 Erica Romeo

19:30 L’Uva Grisa

Durante il Festival sulla piazza Punto di Ristoro e produttori BIO

Hits: 2679
0

C'è tempo fino al 30 settembre per iscriversi al concorso "La musica libera. Libera la musica"

La sesta edizione del concorso si espande con le nuove sezioni "Free Music! No mafia!" e "Hip Hop".

Bologna -C’è tempo fino al 30 settembre per iscriversi al concorso regionale “La musica libera. Libera la musica”, che alla sua sesta edizione si espande abbracciando un tema di grande attualità con la sezione speciale Musica libera, dedicata alla legalità e contraddistinta dal logo “Free Music! No mafia!”

E’ cresciuta la rosa dei partner aderenti (da 9 della passata edizione a 12) e  anche le sezioni musicali  a cui iscriversi, con la nuova sezione dedicata  all’Hip Hop. Ci saranno inoltre 9 palchi per le esibizioni dei vincitori e menzionati dalla giuria, che saranno messi a disposizione dai vari partner, appartenenti a festival e realtà musicali tra i più interessanti della regione. Momento “clou” di questa edizione sarà la realizzazione di una serata sul tema della legalità, in cui si alterneranno sul palco gruppi musicali ed ospiti del mondo della cultura e dello spettacolo, e durante la quale verrà premiato il vincitore della sezione Musica libera- Free Music! No mafia! E’ previsto anche un concerto dedicato ai premiati delle passate edizioni del concorso, in apertura della manifestazione del Mei a ottobre 2015.

Il concorso è realizzato dall’Assessorato regionale alla Cultura, Politiche giovanili e Politiche per la legalità e dall’Agenzia Comunicazione e Informazione della Giunta regionale in collaborazione con Mei, Meeting delle Etichette Indipendenti, Porretta Soul Festival, Scuola di musica popolare di Forlimpopoli, Festival La musica nelle Aie (Castel Raniero), Centro Musica di Modena, Estragon, Jazz Network (Crossroads: musica e altro in Emilia-Romagna), Radio Bruno e i nuovi partner : Arci regionale, Libera Emilia-Romagna, Politicamente Scorretto (progetto dell’istituzione Casalecchio delle Culture) e Lepida Tv. L’obiettivo è quello di stimolare la creatività giovanile e far riflettere sul tema della legalità, partendo dal linguaggio musicale, uno dei più universali.


Il concorso regionale, con la sezione speciale Musica Libera, offre l’opportunità ai musicisti dell'Emilia-Romagna di concorrere due volte: sia con un brano relativo al proprio genere musicale (Pop, Rock, Folk, Jazz, Soul and R&B, Hip Hop ), che iscrivendosi alla suddetta sezione con un testo specifico sul tema della legalità. Possono concorrere i giovani artisti non professionisti, nati , residenti o domiciliati in regione. I premiati delle scorse edizioni possono concorrere solo per la sezione Musica Libera.

I vincitori saranno stabiliti dall’incrocio tra il voto della Giuria e delle votazioni on line aperte a tutti (che si terranno dal 24 settembre al 4 ottobre). La giuria è formata da direttori dei festival partner, critici musicali e produttori.
Il concorso offre premi in denaro per i primi classificati di ogni sezione. Vengono inoltre realizzati: il cd La musica libera. Libera la musica - VI edizione, con le canzoni vincitrici e menzionate dalla giuria e un calendario di concerti, legati ai festival dei partner aderenti, in cui si esibiranno i vincitori. I vincitori verranno intervistati da RadioEmiliaRomagna (www.radioemiliaromagna.it ), la radio web della Regione, e dai media partner. Le esibizioni dei vincitori verranno riprese da Lepida Tv e riproposte sulla tv digitale terrestre (canale 118).

Le iscrizioni  erano partite il 9 maggio, anniversario dell’omicidio di Peppino Impastato, giornalista e attivista contro la mafia, e si dovevano concludere il 16 settembre ma sono state prorogate al 30 settembre.  L’iscrizione si effettua esclusivamente sul sito www.magazzini-sonori.it.

Le sezioni del concorso
Folk
Jazz
Pop
Hip Hop (nuova sezione)
Rock
Soul e R&B
Musica Libera Free Music! No Mafia! (sezione speciale)

I Premi
Per il vincitore di ogni sezione è previsto:
- Premio in denaro (1000 euro)
- Esibizione live in uno o più festival di riferimento partner dell'iniziativa
- Inserimento del brano nel cd Libera la musica. La musica libera VI edizione
- Registrazione video dell’esibizione sul palco
- Intervista su RadioEmiliaRomagna e i media partner
- Promozione del brano in più occasioni durante l'anno

Per il vincitore di Musica libera è previsto:
- Premio in denaro (2000 euro)
- Esibizione nella serata dedicata alla legalità
- Diretta streaming della serata sui portali regionali
- Inserimento del brano nel cd Libera la musica. La musica libera VI edizione
- Intervista su RadioEmiliaRomagna e i media partner
- Promozione del brano in più occasioni durante l'anno in manifestazioni sulla legalità

 

Hits: 1028
0

Posted by on in Collaborazioni

XXI FESTIVAL DI MUSICA POPOLARE di FORLIMPOPOLI
23/27/28/29/30 AGOSTO 2015

b2ap3_thumbnail_bannersmp2015-resized.jpgUNA FESTA ITALIANA

Il rito, il cibo, la danza – le mille Italie e la cultura della festa

Nella tradizione Italiana ogni “Festa “comandata”, ogni momento importante dell’anno, sono accompagnati dalle proprie ritualità, i propri alimenti e, sempre, dalle musiche che ne scandiscono lo svolgimento.

L’attenzione del Festival di quest’anno è accentrata proprio sulla ricchezza e la varietà stilistica di questo patrimonio quasi infinito

 

IL PROGRAMMA COMPLETO

DOMENICA 23 AGOSTO 2015
TURISMO RURALE “LA NUOVA BROCCA”
Via Cepareto n. 15 47014 Meldola (FC)

L’Alba del Festival

Ore 6:24 (al sorgere del sole)

CONTRADA LAMIERONE

Immaginatevi un piccolo borgo, disperso in un angolo di mondo: poche case, malmesse, con i tetti in lamiera. Un posto scampato al progresso, dove non arrivano le frequenze radio e gli abitanti per scandire il tempo suonano strumenti e fischiettano melodie portate dal vento, o imparate da qualche vagabondo…

Programma: concerto con di seguito il buffet
Info e prenotazioni colazione: Tel. 0543.492510 – Cellulare 349 3701772
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Agli intervenuti sarà offerto un BUONO RIDUZIONE per i concerti del 28 e 29 Agosto a Forlimpopoli
GIOVEDì 27 AGOSTO
ROCCA DI FORLIMPOPOLI
ore 21,15

Ingresso Interi €5,50 Ridotti €3,50

Aspettando il Festival al Cinema

Come oramai da tradizione, il Festival di Musica Popolare propone una programmazione cinematografica di film scelti sulla base del tema del festival stesso e/o ispirati da un’importante impronta musicale.

SUGAR MAN

Un film di Malik Bendjelloul. Con Stephen Segerman, Dennis Coffey, Mike Theodore, Dan Dimaggio, Jerome Ferretti.
Titolo originale Searching for Sugar Man. Documentario, durata 86 min.

Vincitore del Premio Oscar® 2013 come Miglior Film Documentario

Sixto Rodriguez è un cantautore folk cresciuto nella Detroit degli anni ‘60. Nel 1969 viene scoperto in un club della città da Clarence Avant, produttore della Motown Records, già manager di Miles Davis e di li a poco di un giovanissimo Micheal Jackson. Nel ‘70 e nel ‘71 escono i primi due album, “Cold Fact” e “Coming From Reality”, che riscuotono ottime recensioni ma si dimostrano due clamorosi flop di vendita. L’etichetta abbandona Sixto che, deluso dall’insuccesso, lascia la chitarra e inizia a lavorare come operaio edile. Dopo quasi trent’ anni una telefonata dal Sudafrica cambia all’improvviso la sua vita. Sixto scopre che le sue canzoni sono state il simbolo della lotta all’Apartheid e che il suo nome è entrato nella storia della musica in quel lontano paese. Sugar Man è il racconto di una vicenda eccezionale che parla di speranza, di riscatto e della forza della musica.

 

VENERDì 28 AGOSTO

ROCCA DI FORLIMPOPOLI
alle ore 21,00

Ingresso Interi €10,00 Ridotti €8,00 Abbonamento 2 Serate 28+29 Agosto €15,00

 In Collaborazione con Li UcciFolk Festival e Mei

Concerto dei VINCITORI DEL PREMIO SPECIALE SCUOLA DI MUSICA POPOLARE selezionati fra i partecipanti alLiUccifolkcontest

TRAMAS (Sardegna)

I Tramas sono un trio acustico formato da Chuva (voce, piano ), Alessandro Pulloni (chitarra acustica) e Stefano Mulas (basso).

La collaborazione fra i tre musicisti nasce nel 2012, quando decidono assieme di dar vita a un progetto musicale che va oltre le distinzioni di genere e stile. Tramas, dopotutto, significa “intrecci”, ed è tale difatti quello che il gruppo cerca sempre di realizzare, mescolando forme e contenuti musicali fra loro spesso distanti

Il linguaggio utilizzato nei testi non fa capo a un unico dialetto. L’idea è quella di una sorta di “lessico familiare”; un ibrido nato dall’esperienza eterogenea della lingua sarda come è stata vissuta dalla cantante stessa, attraverso i contesti e tutte le persone incontrate nel proprio percorso, così da farli confluire in un idioma “autobiografico”, intimo e personalissimo. Un bagaglio di parole, di ricordi e di influenze, in cui spiccano maggiormente il dialetto paterno, quello ‘campidanese’ del capoluogo sardo, sua città natale. E non meno il dialetto dei nonni materni, quello verace di Ballao, piccolo paese del Gerrei, dove ha avuto modo di vivere per sei anni, familiarizzando con i suoni e le peculiarità di quel preciso “vocabolario” dialettale.

I Tramas nel 2014 sono tra i 10 finalisti della 7° Edizione del PREMIO ANDREA PARODI, tenutosi a Cagliari presso il Teatro Auditorium Comunale.
Voce, piano – Chuva
Basso – Stefano Mulas
Chitarra – Alessandro Pulloni

 

Ore 22:00

MUSICANTI DEL PICCOLO BORGO
“Sempre Musicanti” concerto per i 40 anni dei Musicanti del Piccolo Borgo

“…nel sentire queste melodie si intuisce il peso del loro lavoro di ricerca che è quello di farci ascoltare il mondo poetico di persone da noi mai conosciute ed incontrate e di salvare in qualche modo dal tempo ciò che il tempo ingoia.”

I “Musicanti del Piccolo Borgo” possono essere considerati una formazione storica del folk revival italiano. Il gruppo si è infatti costituito alla metà degli anni Settanta, con l’intento, che rimane immutato, di recuperare e riproporre il patrimonio della tradizione musicale popolare dell’Italia centro-meridionale. I “Musicanti” hanno perciò svolto, particolarmente nel primo periodo della loro attività, una serie di ricerche sul campo, soprattutto nel Molise e nel Lazio, che hanno prodotto un’ampia documentazione del repertorio musicale tradizionale; queste iniziali campagne di registrazione etnofonica si sono poi trasformate in un più generale contatto con la cultura contadina, e quindi in una conoscenza più profonda non solo degli esempi, ma anche dei modi e dei significati dell’espressione musicale all’interno di quella cultura.

Uno dei settori nei quali i “Musicanti del Piccolo Borgo” si sono più impegnati nel corso della loro lunga attività è quello dell’organologia, con l’apprendimento e l’uso degli strumenti più strettamente legati al nostro mondo agropastorale, come il piffero, la zampogna, la chitarra battente, l’organetto e, recentemente, il “bufù”, il grande tamburo a frizione molisano. Il repertorio proposto dai “Musicanti del Piccolo Borgo” comprende tutte le forme musicali tradizionali tipiche dell’Italia centro-meridionale, dalle ninne nanne agli stornelli, dai canti religiosi ai saltarelli e alle tarantelle, e presenta, in una rispettosa rielaborazione, che ne permetta la fruizione anche in contesti diversi da quello originario, sia testi e melodie frutto della ricerca sul campo, sia brani tratti dalla discografia esistente. I”Musicanti”, nei CD pubblicati, ed ancor più nei concerti, vogliono infatti realizzare un viaggio attraverso i suoni, innanzitutto, della tradizione molisana e laziale, ma anche, superando confini spesso culturalmente poco consistenti, di quella campana, lucana, pugliese, calabrese, siciliana. Di ciò, e della varietà di colori e di impatto sonoro, è testimonianza anche l’elenco degli strumenti utilizzati: mandolino, mandola, mandoloncello, chitarra, chitarra battente, chitarra basso, piffero, zampogna(a chiave e alla zoppa, surdulina), flauto dritto, violino, organetto (a due, quattro e otto bassi), castagnette, traccole, tamburi e tamburelli (campani, pugliesi e calabresi), “bufù” molisano.

 Elvira Impagnatiello : voce, chitarra;
Silvio Trotta: mandolino, mandoloncello, chitarra battente, voce;
Stefano Tartaglia : flauto dritto, piffero, voce;
Alessandro Bruni : chitarra, basso acustico, bufù
Mauro Bassano: organetto; zampogna
Gianmichele Montanaro: tamburelli

 

SABATO 29 AGOSTO

ROCCA DI FORLIMPOPOLI
alle ore 21,00

Ingresso Interi €10,00 Ridotti €8,00 Abbonamento 2 Serate 28+29 Agosto €15,00

LUCILLA GALEAZZI

Festa italiana

Voce di luminosa bellezza e potenza, Lucilla Galeazzi è una delle artiste di riferimento nell’ambito della ricerca e della valorizzazione della musica tradizionale dell’Italia centrale.

Porta a Forlimpopoli lo spettacolo “Festa Italiana”, tratto dal suo ultimo disco, che sta raccogliendo successi in tutta Europa dopo aver trionfato, nel Marzo scorso, sul palco della prestigiosa Carnegie Hall di New York.

Nel calendario popolare italiano hanno grande spazio due feste laiche di antichissima origine, il Carnevale e il Maggio, cui si aggiungono nell’otto/novecento la Festa del Lavoro (1° maggio) e nel dopoguerra la Festa della Resistenza (25 aprile). Queste feste rappresentano l’evoluzione di riti antichissimi legati al trascorrere dell’anno e all’arrivo della primavera, il cui profondo valore apotropaico, erotico, purificante e rigenerante ha dato vita a ricchi repertori di canti, musiche, serenate e danze. “Festa Italiana” riunisce queste musiche in un uno stesso spettacolo per presentarle in tutta la loro dirompente carica vitale, che risveglia i cuori e scalda il sangue, dando la forza per affrontare un nuovo, lungo anno.

Lucilla Galeazzi è sul palco con voce, chitarra, nacchere, accanto a grandissimi musicisti: C’è la cosa bellissima dei tamburi a cornice di Carlo Rizzo che è un funambolo, la nyckelharpa di Marco Ambrosini che suona in una maniera sontuosa, e la fisarmonica di Francesco Turrisi. Quest’ultimo è un musicista che ha attraversato vari universi musicali, ha studiato pianoforte per passare poi alla fisarmonica, con L’Arpeggiata suona il clavicembalo jazzando un po’ ora, e ultimamente si è trasferito in Irlanda dove ha dato vita ad alcuni gruppi che fanno musiche di passaggio, mescolando musica araba e irlandese, con l’aggiunta di qualche elemento di tradizione italiana. Insomma è un musicista multiforme che ha raccolto influenze da direzioni differenti. C’è poi Kevin Sedikki, che è un meraviglioso chitarrista nonché arrangiatore e compositore, con alle spalle una grande esperienza in ambito jazz. Il contrabbasso lo suona Leonardo Teruggi, un artista che ha tutto perché è nato a Parigi da genitori argentini fuggiti dalla loro terra per le note ragioni, e tra l’altro la sorella del papà fu uccisa dal regime dei colonnelli, ed è una desaparesida. I suoi genitori hanno origini italiane e quindi a casa sua si parlava anche la nostra lingua, ma lui parla anche lo spagnolo, il francese, e ovviamente l’inglese che è ormai d’obbligo.

Lucilla Galeazzi voce, chitarra, nacchere
Carlo Rizzo tamburi a cornice
Marco Ambrosini nyckelharpa
Angela Ambrosini nyckelharpa
Francesco Turrisi fisarmonica
Leonardo Teruggi contrabbasso
Kevin Seddiki chitarra

 

DOMENICA 30 AGOSTO
CIRCOLO BEVITORI LONGEVI
Via del castello
Forlimpopoli

 alle ore 22:00
Ingresso gratuito con tessera Arci

 L’ASINO E IL FIORE

La domanda che tutti ci fanno è: “Ma chi è l’asino e chi è il fiore?”

Beh, la risposta è semplice, nessuno dei due!! Tutti siamo un po’ asini e un po’ fiori…

Siamo asini perché da sempre siamo obbligati a piegare la schiena e a lavorare sodo, senza rispetto, senza diritti e spesso ci sentiamo chiamare stupidi, ignoranti e ci mettono due orecchie in testa per umiliarci di fronte agli altri, senza sapere però, quanto gli asini in realtà siano esseri meravigliosi, intelligenti e dolci. Ma nonostante questo continuiamo a restare umili, semplici, come può esserlo un piccolo fiore appunto, che con la sua semplicità però sa raccontare la bellezza.

Ed è la voglia di raccontare questa bellezza, questa umiltà e questo desiderio di giustizia, di rispetto e di libertà, che nel 2011 fa nascere nella mia testa (Io sono Kurry) e in quella di Alberto l’idea di questo duo acustico, il cui intento principale è raccontare storie che portino con se sentimenti, emozioni, idee e non solamente parole gettate a caso sulla carta ed accompagnare il tutto con una musica ricercata e accattivante. E allora alle chitarre di Alberto, al suo Dobro, Banjo, Ukulele e Mandolino mescoliamo le mie, le percussioni suonate con i piedi e la mia voce per cercare di creare immagini anche con la musica, oltre che con le parole, a creare un insieme di forme e colori che possa permetterci di catturare chi ci ascolta, così da poterlo accompagnare attraverso le nostre canzoni, nel nostro mondo.

Signore e signori, bambine e bambini ecco a voi: L’ASINO E IL FIORE!

 

DURANTE IL FESTIVAL
Forlimpopoli, Centro Culturale Polivalente, Piazza Fratti
28/29 agosto dalle 20,00 alle 24,00

MOSTRE

LA SCUOLA ED IL FESTIVAL DI MUSICA POPOLARE
1986 / 2015 XXIX anni di internazionalismo

a cura di Marco Tadolini

 

WORKSHOP

Giovedì 27 Agosto
Lucilla Galeazzi: IL CANTO TRADIZIONALE ITALIANO DALLE ALPI ALLE MADONIE

Domenica 30 Agosto
Carlo Rizzo: TECNICHE TRADIZIONALI E MODERNE DEI TAMBURI A CORNICE

 

Direzione artistica:
Marco Bartolini
Marco Tadolini

per Scuola di Musica Popolare Forlimpopoli

PROMOZIONI

METTI IN CIRCOLO CULTURA 2015

In collaborazione con Cinema Teatro Verdi
JCE NETWORK FESTIVAL
MAF – Museo Archeologico T.Aldini
Fondazione Ravenna Antica
Circolo Arci Bevitori Longevi

Acquista un ingresso presso:

Arena Cinema Verdi di Forlimpopoli http://www.cinemaverdi.it/

durante tutta la programmazione dell’Arena e conserva il biglietto.
Presentandolo alla biglietteria del JCE Network Festival e del festival di Musica Popolare, avrai diritto ad un ingresso ridotto

Conserva il biglietto del Festival di Musica popolare, presentandolo alla biglietteria del « Cinema Verdi » di Forlimpopoli avrai diritto ad un ingresso ridotto.

Conserva il biglietto del Festival di Musica popolare , ti darà diritto ad un ingresso ridotto al MAF – Museo Archeologico T.Aldini alla tariffa ridotta di 2€ anzichè 4 € ed ad un ingresso cumulativo ridotto a 5 € anzichè 7 € ai 3 siti gestiti dalla Fondazione Ravenna Antica che si trovano a Ravenna: Domus dei Tappeti di Pietra,Museo del Mosaico TAMO, Cripta Rasponi e Giardini Pensili (per info:www.ravennantica.it)

 

Conserva il biglietto del MAF – Museo Archeologico T.Aldini e dei 3 siti gestiti dalla Fondazione Ravenna Antica che si trovano a Ravenna: Domus dei Tappeti di Pietra,Museo del Mosaico TAMO, Cripta Rasponi e Giardini Pensili (per info:www.ravennantica.it)
Presentandolo alla biglietteria del JCE Network Festival e del festival di Musica Popolare, avrai diritto ad un ingresso ridotto

Nel periodo 28/29/30 Agosto, il biglietto d’ingresso al Festival da diritto ad una riduzione del 10% sulle consumazioni al Circolo Arci Bevitori Longevi

RISTORAZIONE
Durante le serate del 28 e 29 Agosto saràa attivo all’interno dell’area Festival un servizio di Bar e ristorazione veloce dedicato.

 

Il Festival di Musica Popolare di Forlimpopoli è organizzato da:
Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli
JCE Network Festival
Scuola Musicale Dante Alighieri di Bertinoro

 

Con il Patrocinio ed il Contributo di
Regione Emilia-Romagna
Provincia di Forlì-Cesena
Comune di Forlimpopoli
In collaborazione con:
Li Ucci Folk Festival
Romagna Musica Soc. Coop.
MAF – Museo Archeologico T.Aldini
Fondazione Ravenna Antica
Circolo Arci I Bevitori Longevi
Cinema Teatro “Verdi” Forlimpopoli (Gestione Vitali)
Percorsi di entusiasmo in Romagna
Turismo Rurale La Brocca

Media partner:
#nuovoMEI2015
LA MUSICA NELLE AIE – CASTEL RANIERO FOLK FESTIVAL

 

Info e programmi dettagliati: www.musicapopolare.net – www.bertinoromusica.it
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel: +39 338 3473990 – +39 0543 444621
Skype: musicapopolare

 

RIPARTIAMO DALL’ ITALIA

Il giro di boa dei 20 anni di festival è compiuto. Quando, alla decima edizione, la direzione artistica passò da Franco Dell’Amore alla Scuola di Musica Popolare, volemmo mantenere la tematicità come caratteristica del festival forlimpoplose: non un festival folk qualunque (dei quali l’Italia brulica in estate) ma una rassegna che annualmente affrontasse un tema preciso.

La prima edizione svoltasi sotto la nostra egida (Poeti, Santi, Navigatori 1) fu all’insegna del “ricominciamo dall’Italia”, dopo anni dedicati ai monti appalachi, ai villaggi,artici, agli aborigeni australiani, al tango e flamenco, alle tribù dell’Africa nera.

Negli anni seguenti, l’internazionalità e l’internazionalismo hanno continuato a caratterizzare il nostro festival; una scelta precisa in tempi di grandi migrazioni, crisi identitarie, emergenze separatiste ecc ecc. nella consapevolezza che lo scambio e il confronto tra esperienze musicali tanto distanti tra loro, certo non risolverà questi problemi, ma senz’altro sarà una goccia sparsa a sostegno del dialogo, della solidarietà, del confronto.

Inizia un nuovo ventennio di festival forlimpopolese? Non mettiamo carri davanti a buoi: di questi tempi è già un miracolo essere ancora qui a riuscirci; ma andiamo avanti con coraggio e entusiasmo e ricominciamo appunto dalla nostra italietta.

Italietta molto lunga, dove ogni regione, ogni zona, addirittura ogni vallata serba un patrimonio musicale popolare da fare invidia al mondo.

Questa terra che ha avuto da sempre, nella festa, il momento identitario fondamentale e irrinunciabile. Il rituale popolare del quale non si può fare a meno.

Si è festeggiato durante le guerre, dopo le guerre, nelle carestie, nelle vendemmie e nella pesca, nei tempi di vacche grasse e di vacche magre.

Si festeggia oggi in un momento tragico di crisi per questa Europa che presenta al mondo intero le proprie tragedie interne. Eppure, puntualmente, la gente reagisce festeggiando.

Non c’è mai stato periodo cupo dove siano finiti i pretesti, “le scuse” per rinnovare il rituale della festa, anche quando fuori dall’uscio il clima politico era gramo e il piatto in tavola era molto scarso.

Nella festa si celebra un rituale esorcistico, si dimentica per un po’, ci si autoconvince, ci si riorganizza e comunque ci si racconta e, in ultima analisi trionfa il “canta che ti passa”.

Cito Paolo Toschi, che nel bellissimo volume “Il Folklore” (Touring Club Italiano, 1967, Conosci l’Italia vol XI), dice ”…. molte usanze e credenze di queste feste sono ispirate alla primitiva tradizione che in quei giorni fatidici le forze soprannaturali, come la fortuna, gli spiriti benigni e maligni, e i vari elementi, agiscano al massimo della loro potenza; condizione favorevole per auspici”……

Dopo anni di esterofilia, il festival di quest’anno propone due situazioni storiche, scelte tra i protagonisti e i pionieri in Italia del fenomeno del cosiddetto folk revivial, e un gruppo invece scelto tra i nuovissimi.

Lucilla Galeazzi è la voce per eccellenza della ricerca etnologica – folclorica italiana. Inutile riassumere in due parole la sua bravura e genialità: caratteristiche comunque che dagli anni ’70 (quando esordiva con Giovanna Marini) l’ hanno portata a creare collaborazioni tra gli indigeni portatori di repertori tradizionali e i più grandi geni della musica etnica e contemporanea, incluso Roberto De Simone, Luciano Berio, Gian Luigi Trovesi, Sergio Rendine, solo per citare alcuni mostri sacri.

I musicanti del Piccolo Borgo da oltre trentacinque anni sono i protagonisti della “ricerca sul campo” non archiviata in museali pellicole ammuffite a forte rischio di smagnetizzazione, ma fatta rifiorire attraverso la loro magistrale riproposta musicale. Strumentario, suoni e testi popolari del centro sud, volano dalle ultimissime nicchie di conservazione originale al palco scenico amplificato, con totale rispetto, competenza, perizia interpretativa e esecutiva.

Infine il trio Tramas ci svelerà il progetto di una nuovissima formazione sarda, che si presenta in lingua madre, riproponendo quindi la questione della perdita o rivitalizzazione originale di quella immensa banca dati che è il repertorio dei testi, delle danze, dei suoni della musica popolare.

Marco Bartolini – Marco Tadolini

Hits: 4970
0

La 18° edizione di Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty 
si conclude con 
la vincita di Adolfo Durante con "Libertà"

la premiazione di Alessandro Mannarino per il brano "Scendi Giù", miglior testo dell’anno sui diritti umani



È il mantovano Adolfo Durante ad aggiudicarsi il Premio Amnesty International Italia Emergenti 2015 con "Libertà", al termine della intensa domenica 19 luglio, dedicata a musica e diritti umani a Rosolina Mare (Rovigo). 
Adolfo è stato selezionato da una giuria di esperti come il migliore esordiente tra i cinque finalisti del concorso che hanno prestato musiche e voci al palco di Amnesty International Italia. 
Ai WDD & Michela Grena (Pordenone) il Premio della Critica, ai GolaSeca (Carbonia/Iglesias), già Premio Web, il Premio della Giuria Popolare. Gli altri due finalisti di assoluta qualità sono Riki Anelli e i Malarazza 100% terrone.

Poche ore prima ad animare l'arena di Piazzale Europa è stato il cantautore romano Alessandro Mannarino, insignito del Premio Amnesty International Italia 2015 grazie a "Scendi giù" e giunto per la conferenza stampa tra una tappa e l'altra del Corde 2015 tour. Il brano "(...) ha convinto il festival - come ha sottolineato il direttore artistico della manifestazione Michele Lionello - a supportare per il secondo anno consecutivo la Campagna di Amnesty International 'Stop alla tortura', vista l'incisività del testo e l'urgenza data dall'attualità".

Ad accogliere Alessandro Mannarino ed il presidente di Amnesty International Italia Antonio Marchesi anche il sindaco di Rosolina Franco Vitale, che ha dato ai presenti il benvenuto nella terra più giovane d'Italia, Rosolina e il Delta del Po, e si è detto felice di ospitare, ormai da quattro anni, l'importante manifestazione nel proprio territorio.

Il presidente Marchesi ha riportato l'attenzione alla dichiarazione pubblicata lo scorso aprile, in occasione dell'assegnazione del Premio Amnesty International Italia 2015 a "Scendi giù", per constatare che, non solo in Italia non esiste ancora una legge che istituisca il reato di tortura, ma "la proposta di legge ad oggi in discussione in Parlamento è brutta e definisce come 'tortura' un comportamento persecutorio reiterato, indicazione che permette l'impunità qualora la violenza viene effettuata una volta sola". 

Il cantautore Alessandro Mannarino ammette che l'aver ricevuto da Amnesty International Italia il Premio lo ha fatto sentire "meno solo nel prendere una posizione così complessa. Mi sentivo impotente dopo aver appreso della morte dei ragazzi per mano delle forze dell'ordine, di non potere fare nulla davanti all'ingiustizia e questa canzone è stato un tentativo di ribellione: il sistema così non funziona, l'istituto carcerario e repressivo è primitivo. Bisogna che il sistema studi l'uomo per aiutarlo davvero".


Minibio di Alessandro Mannarino
"Scendi giù" del cantautore Mannarino è il vincitore della tredicesima edizione del Premio Amnesty International Italia, indetto nel 2003 per il migliore brano sui diritti umani pubblicato nel corso dell'anno precedente. Oltre 60.000 copie vendute con i 3 album "Bar della rabbia" (2008), "Supersantos" (2011) e "Al Monte" (2014). Vincitore del Premio Gaber e Premio Siae come miglior artista emergente. Ha vinto il Premio PIMI del MEI quale miglior artista indipendente dell’anno nel 2014. Due partecipazioni al Concertone del Primo Maggio di Roma. Un tour negli Stati Uniti e in Canada. Autore dell’arrangiamento della sigla di Ballarò e Vincitore al Magna Grecia Film Festival per la colonna sonora del film "Tutti contro Tutti".

Minibio di Adolfo Durante, Premio Amnesty International Italia 2015
Nato a Salerno, vive da molti anni in provincia di Mantova. Realizza nel 2006 Mimì in… jazz, concerti per piano e voce insieme al pianista Stefano Calzolari, e nel 2012 Stanza 219 e altre storie, collezione di brani di grandi autori riletti attraverso il proprio stile.
Interprete versatile e dal timbro vocale inconfondibile, Adolfo è in grado di affrontare repertori che spaziano dal jazz al rock. Al festival di Amnesty International Italia ha presentato il brano pop autoriale "Libertà", tratto dall’omonimo album "Libertà" (2014), scritto e prodotto da Enrico Andreini, con i testi di Sandra von Borries, che sottolinea l'importanza della libertà di espressione, religione e sessualità.

Minibio di WDD & Michela Grena, Premio della Critica 2015
Progetto nato solo nel 2014 dall’unione di nomi storici e conosciuti nel panorama dub italiano: Michela Grena, voce dei B.R.Stylers e Wicked dub division, gruppo attivo da dieci anni.
La band compie una ricerca musicale, miscelando suoni caldi e ipnotici a sfumature più wicked e minimali. Dopo l’iniziale esperienza The rootical dub session, in omaggio al reggae roots delle origini rivisitato in chiave dub, WDD & Michela Grena si sperimentano creando brani inediti e uno stile personale, arrivando così a dare alle stampe la loro opera prima, "Dub Drops" (autoproduzione, 2015), che contiene "New Slavery", brano che evidenzia i nuovi tipi di schiavitù.

Minibio di GolaSeca, Premio della Giuria Popolare 2015
I GolaSeca sono i vincitori del Premio Web di #vxl15 e per questo salgono direttamente sul palco del festival con la graffiante "Sud dei sud", sulle condizioni disumane di vita alle quali sono costretti i migranti. 
Forti di una grande esperienza live e conosciuti nella natia Sardegna per la musica a sostegno delle cause sociali, i GolaSeca, proprio in occasione della partecipazione a Voci per la Libertà, pubblicano la loro opera prima ufficiale Gole del sud, otto tracce autoprodotte nelle quali mettono sapientemente in gioco il tradizionale folk rock, aprendosi a nuove influenze.

Tra i finalisti altre due band di assoluta qualità che ringraziamo di cuore per essere state con noi: 

Riki Anelli 
Il cantautore, già vocalist e bassista degli Isabelle Urla, ha vinto la Targa Repubblica.it nel 2013 e nel il Premio Anacapri Bruno Lauzi Canzone d’Autore nel 2014. A #vxl15 ha partecipato con "Ti porterò".

Malarazza 100% terrone
La band, che fonde le sonorità più dure della musica d’oltreoceano a quelle tradizionali siciliane, ha all’attivo l’album "Sicilia mia" (autoproduzione, 2012). Già autori di Felicia dedicata a Peppino Impastato, a #vxl15 hanno presentato "Zio Pino", omaggio a Don Pino Puglisi.


Le celebrazioni in musica per i 40 anni di Amensty International Italia e i 18 anni di Voci per la Libertà proseguono al #nuovoMEI2015 (www.meiweb.it) con la presenza delle due realtà e con l'esibizione del Premio Amnesty International Italia Emergenti 2015 Adolfo Durante e di altri artisti legati alla manifestazione il 3 e 4 ottobre a Faenza all’Expo della Nuova Musica Italiana (anteprima il 1 e 2 ottobre e Notte Bianca del MEI di sabato 3 ottobre).



Hits: 1582
0

Posted by on in Collaborazioni
Il cartellone completo di Voci per la Libertà 2015      

 

 

Definito il programma della 18° edizione di Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty, il festival che, promosso da Amnesty International Italia e Associazione culturale Voci per la Libertà, sostiene e diffonde le istanze della Dichiarazione universale dei diritti umani attraverso la musica e l'arte tutta.

 

In questo 2015 la manifestazione vuole festeggiare la sua maggiore età e i quaranta anni compiuti da Amnesty International Italia selezionando per il proprio cartellone eventi particolarmente suggestivi e headliner scelti tra i più validi partecipanti al concorso per emergenti negli scorsi anni. Tra questi in calendario venerdì 17 luglio i SYNCAGE, gruppo più giovane che si è aggiudicato il Premio della Critica 2013, e sabato 18 luglio i MARMAJA, band più longeva che ha vinto il Premio della Giuria Popolare 2014.

 

Non mancano concorsi, libri, cortometraggi, street art, aperitivi musicali, momenti d'aggregazione, mostre e soprattutto la campagna di Amnesty International "Stop alla Tortura". Vi ricordiamo l'anteprima in calendario il 12 luglio a Porto Tolle, la conferenza stampa e premiazione di ALESSANDRO MANNARINO con live il 19 luglio.

 

Gli organizzatori ci tengono a ringraziare gli sponsor Barzanò & Zanardo, Coop Adriatica, Copma e i partner tecnici OPS Group, Grafiche Nuova Tipografia, Viavai, senza i quali questa edizione non sarebbe stata possibile. Ringraziano inoltre il Comune di Rosolina, cittadina che si è messa in gioco ospitando la quattro giorni di spettacolo e attrezzandosi per accogliere al meglio il popolo del rock, offrendo, oltre al mare neo bandiera blu e al placido Delta del Po, servizi turistici e sportivi per ogni esigenza.

 

 

 

 

 

DOMENICA 12 LUGLIO ANTEPRIMA FESTIVAL
in collaborazione con la rivista REM e il festival DeltaBlues

 

Ore 19.00 @ attracco fluviale Ca' Tiepolo Porto Tolle
crociera con concerto galleggiante
di PAOLO BONFANTI & MARTINO COPPO e MUD

Per info e prenotazioni: 346 6028609 -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

18° EDIZIONE VOCI PER LA LIBERTA' UNA CANZONE PER AMNESTY
Conduzione di Savino Zaba (Radio 2, Raiuno) e Carmen Formenton (Voci per la Libertà)

 

GIOVEDÌ 16 LUGLIO - ROSOLINA MARE
in collaborazione con DeltArte

 

Ore 21.00 @ Viale dei Pini
inaugurazione dell'opera di street art di Lucamaleonte

 

Ore 21.30 @ Centro Congressi in Piazzale Europa
inaugurazione della mostra "STOP ALLA TORTURA"
premiazione del video concorso 3 minuti per 30 articoli
presentazione del libro "Srebrenica. La giustizia negata" con gli autori Riccardo Noury e Luca Leone

 

 

VENERDI' 17 LUGLIO - ROSOLINA MARE

 

Ore 18.00 @ Bagno Perla
Aperitivo Musicale con ANNA LUPPI

 

Ore 21.00 @ Arena Piazzale Europa

 SEMIFINALI CONCORSO CON
ADOLFO DURANTE (Mantova – Pop/Folk)
RIKI ANELLI (Bergamo – Cantautorato Italiano)
RITA ZINGARIELLO (Bari - Cantautore)
WDD & MICHELA GRENA (Pordenone - Dub)

 

       

 +

SYNCAGE
Premio della Critica 2013 con "The Call Of The Lords"

 

 


Nata nel 2008, la band è formata da giovanissimi membri provenienti da ambienti musicali molto differenti, particolarità che conferisce alle sonorità del gruppo grandi ricchezza e corpo.
Il flauto, sdoganato nel rock progressive dai Jethro Tull, fa da contrappunto alla strumentazione elettrica classica, creando evocativi paesaggi sonori.
Il live set è lisergico e sbalorditivo.

 

 

SABATO 18 LUGLIO - ROSOLINA MARE

 

Ore 10.00 @ Bagno Primavera
"Csv on the beach": Incontro sul volontariato giovanile

 

Ore 18.00 @ Bagno Primavera
Aperitivo Musicale con MUD
Vincitore del Premio Amnesty International Italia Emergenti 2014

 

Ore 21.00 @ Arena Piazzale Europa
SEMIFINALI CONCORSO
FEDERICO MILELLA (Torino – Pop/Rock)
GOLASECA (Carbonia/Iglesias - Rock)
MALARAZZA 100% TERRONE (Agrigento/Palermo – Folk/Rock)
MICHELA FRANCESCHINA (Pordenone – Pop/Bossa)

 

       

+

MARMAJA
Premio della Giuria Popolare 2014 con "Storia di qui"

 

 


Vent'anni di carriera per la band capitanata da Maurizio Zannato. Sei album di inediti all'attivo, svariate compilation, tantissimi tour e in più raccolte dal vivo e musicassette, ma un'unica ricerca nell'ambito del folk rock cantautorale più colto, coinvolgente e impegnato, che ha portato loro riconoscimenti da festival importanti come Arezzo Wave, Buskers di Ferrara e il nostro gemellato Musica nelle Aie.
Lo spettacolo dal vivo è coinvolgente e tutto da ballare!

 

 

DOMENICA 19 LUGLIO - ROSOLINA MARE

Piazzale Europa

 

Ore 18.00 @ Centro Congressi
Conferenza stampa Premio Amnesty International Italia con il vincitore ALESSANDRO MANNARINO e il Presidente di Amnesty International Italia Antonio Marchesi

 

Ore 21.00 @ Arena Piazzale Europa

 FINALE CONCORSO CON I MIGLIORI 5 ARTISTI

+

Premio Amnesty International Italia
ALESSANDRO MANNARINO


"Scendi giù" del cantautore Mannarino è il vincitore della tredicesima edizione del Premio Amnesty International Italia, indetto nel 2003 per il migliore brano sui diritti umani pubblicato nel corso dell'anno precedente.Oltre 60.000 copie vendute con i 3 album "Bar della rabbia" (2008), "Supersantos" (2011) e "Al Monte" (2014). Vincitore del Premio Gaber e Premio Siae come miglior artista emergente. Ha vinto il Premio PIMI del MEI quale miglior artista indipendente dell'anno nel 2014. Due partecipazioni al Concertone del Primo Maggio di Roma. Un tour negli Stati Uniti e in Canada. Autore dell'arrangiamento della sigla di Ballarò e Vincitore al Magna Grecia Film Festival per la colonna sonora del film "Tutti contro Tutti".

 

 

 

 

Non mancate e comunicate con noi attraverso l'hashtag #vxl15

 

 

Una iniziativa di:
Associazione Culturale Voci per la Libertà / Amnesty International Italia / Pro Loco Rosolina / Comune di Rosolina /
Provincia di Rovigo / Ente Parco Delta / Regione Veneto

 

Sponsor:
Barzanò & Zanardo / Coop Adriatica / Copma

 

Con il supporto di:
Mei – Audiocoop – Rete dei Festival / Centro Diritti Umani Università di Padova / RetEventi / Centro Servizi Volontariato Rovigo / Musica nelle aie / DeltArte / Deltablues / Alabianca / Studioartax / Grafiche Nuova Tipografia / OPS Group

 

Media partner:
Blob Agency / Freakout / Freequency / La scena / L'isola che non c'era / RadioRock.to / Radio 41 / Rumore / Mescalina / Radio città del capo / Radio libera tutti / Radio Siani / REMweb / Rolling Stone / La Voce di Rovigo / Rovigo Oggi / Delta Radio / ViaVaiNet

Hits: 1380
0

Posted by on in Collaborazioni

Sei giorni di paesaggi che sognano di diventare necessari: ecco il programma completo di quest'anno.

------------------------------------------------------------------------
(Anteprima - 1) SABATO 11 LUGLIO - ALL’ALBA IN UN CAMPO DI GRANO
------------------------------------------------------------------------
Prima che l’Arena apra il suo sipario, anche quest’anno organizziamo la raccolta delle balle di paglia all’alba: alle 5.45 ci si ritroverà in via Belvedere per raccogliere le balle che serviranno per costruire l’Arena. La raccolta sarà aperta dal concerto delle FemmeFolk, quattro donne in musica: Donatella Antonellini (organetto diatonico, chitarra, voce, castagnette e composizione), Caterina Sangiorgi (flauto traverso, voce), Nicoletta Bassetti (viola e violino), Valeria Cino (contrabbasso). Al termine dei lavori, Quelli di Primola offriranno un rinfresco a tutti i partecipanti, in un festoso convivio di campagna all’ombra delle acacie che sovrastano l’Arena.

------------------------------------------------------------------------
(Anteprima - 2) LUNEDÌ 13 LUGLIO - LA MÌ PIAZA, LA NOSTRA PIAZZA
------------------------------------------------------------------------
La paglia quest’anno arriverà per una sera anche in centro a Cotignola: dalle 19.30 piazza Vittorio Emanuele II si colorerà con il giallo delle balle di Primola. Ci saranno le Storie da CaBARet di Giovanni Nadiani e il concerto degli Obelisco Nero, vincitori del premio del pubblico a Musica nelle Aie 2015. La serata è organizzata in collaborazione con l’associazione Cotignola Invita, che allestirà un punto ristoro.

------------------------------------------------------------------------
GIOVEDÌ 16 LUGLIO - BENTORNATI NELLA CAPITALE DELLA PAGLIA
------------------------------------------------------------------------

Bentornati Nell'Arena delle balle di paglia di Primola Cotignola.

Chi lo vorrà, prima di mettere piede sulla paglia, potrà partecipare a una visita guidata in quei luoghi di Cotignola dove si respirano le storie e gli animi che hanno ispirato i sogni di una comunità. A Palazzo Strocchi, l’insegnante e studiosa di Storia dell’arte Raffaella Zama racconterà della magnifica collezione di strumenti ad arco trafugata dalle truppe naziste durante l’ultima guerra. Massimiliano Fabbri, del Museo Varoli, condurrà delle piccole visite a Palazzo Sforza, Casa Varoli e alla Scuola Arti e Mestieri. Il ritrovo è alle 19 in piazza Vittorio Emanuele II. Il tour, condotto dall’assessore alla Cultura Federico Settembrini, termina all’Arena.

Alle 20, nella Golena dei poeti, i volontari di Primola apriranno il sipario dell’Arena e alle 20.30 ci sarà il piccolo concerto “Le radici del vento”, la musica estemporanea in dialogo con il luogo di Fabio Mina (flauto, duduk, danmoi, live electronics).

Alle 22 nel palco dell’Arena, in prima assoluta italiana, un quartetto di jazzisti interpreta “La
Pasionaria”, ricordando Charlie Haden a un anno dalla sua scomparsa. È il grande jazz caldo all’Arena con Daniele D’Agaro (sassofono e clarinetto), Marco Ricci (chitarra), Roberto Bartoli (contrabbasso), Mirco Mariani (batteria, tamburi).

------------------------------------------------------------------------
VENERDÌ 17 LUGLIO - CANTA L'AUTORE NEL GRANO DI ROMAGNA
------------------------------------------------------------------------

Dall’aperitivo al bicchiere della staffa, sulla paglia dell’Arena c’è una Romagna che racconta la vita con la musica. Sei nomi, sei identità cantautorali. Un paesaggio musicale che inizia alle 19.30 con Andrea Grossi (Bagnara di Romagna), con un repertorio che mette d’accordo eleganti e balordi, tra erotismo e ironia; poi Niente (Forlimpopoli), che con le sue sonorità ombreggiate dipinge il disincanto dei nostri tempi, ma con melodie che lasciano spazio a un ottimismo immortale; si prosegue con Jocelyn Pulsar (Forlì), che quando canta ti porta in giro per la provincia, con storie che appartengono un po’ a tutti e sembrano lì da sempre. Dopo il tramonto, sul Palco dell’Arena alle ore 21.30 salirà Dulcamara (Faenza) per un viaggio tra suggestioni americane e sentimenti romagnoli; avremo Enrico Farnedi (Cesena) che con il suo ukulele esplora la sottile bellezza delle cose semplici, e infine il travolgente piano-punk-cabaret di Giacomo Toni (Forlimpopoli), beffardo cantore di fulminanti storielle (a)morali della mezzanotte.

Alle 20.30 nella Golena dei poeti ci sarà il "Teatro delle Ariette": Attori contadini che raccontano la trasformazione del mais che diventa polenta; una trasformazione a senso unico, irreversibile, dalla quale non si torna indietro. Uno spettacolo di e con Paola Berselli e Stefano Pasquini, con Maurizio Ferraresi.

------------------------------------------------------------------------
SABATO 18 LUGLIO - STATI D'ANIMO PROVVISORI DI PAESAGGIO
------------------------------------------------------------------------

Al mattino, dalle 7 alle 9, ci sarà una colazione sulla paglia. Per l'occasione, tre musicisti provenienti da paesaggi diversi propongono il concerto “Gnawa jinn”: dalla cultura dell’etnia marocchina Gnawa, le musiche della guarigione degli antichi rituali che salutavano il passaggio dalla notte al giorno, intrecciate con santeria afrocubana, psichedelia e jazz. Suonano Reda Zine (guimbrì, voce), Fabrizio Puglisi (synth, voce), William Simone (batà, percussioni, voce). 

Dalle 19 a Casa Belvedere si respirerà un "soffio d'Oriente" con Mattarello(a)way, una sorta di gemellaggio culinario Romagnamondo. Candida e Sanja, dopo un viaggio di otto mesi nel sud-est asiatico, ora si fermano all’Arena per proporci due ricette raccolte direttamente dalle mani delle azdore dei paesi visitati: il bánh mì, emblema del cibo di strada vietnamita a base di maiale glassato alle cinque spezie, e il chole, un piatto vegano a base di ceci e intensi profumi d’India. Se ti fermi trovi un assaggio d’Oriente, il racconto e le fotografie del loro viaggio.

Alle 19.30 nella Golena dei poeti inizierà un Dialogo tra un filosofo e un paesologo. Paolo D’Angelo, docente di estetica all’Università di Roma Tre, autore di “Filosofia del paesaggio” (ed. Quodlibet) e Franco Arminio scrittore e paesologo autore di “Geografia Commossa dell’Italia interna” (ed. Mondadori).

Alle 19.45 nel Ridotto balle ci sarà Dino Fumaretto con la musica dell'assurdo: Dino Fumaretto vive nella cantina di Elia Billoni e scrive poesie. Elia le canta. Fumaretto è solo un autore ed è solo come un essere. Con Fumaretto si racconta la solitudine, la perdita, l’assurdità e il cinismo della vita attuale. Si ride, ma con ansia. Con Elia Billoni (piano e voce) e Andrea Lovo (batteria ed effetti).

Alle 21 nella Golena dei poeti "L - ovvero il caotico viaggio di Leonardo da Vinci in Romagna", un monologo di e con Roberto Mercadini, poeta parlante e narratore senza
storie.

Alle 21.45 nel Palco dell'Arena lo spettacolo "Terra Madre Terra Matrigna", una performance concerto del duo Interiors formato da Valerio Corzani ed Erica Scherl, arricchito dalla proiezione del documentario sulla terra “Home”, del regista francese Yann Arthus-Bertrand. Sullo sfondo del concerto, immagini di una terra “madre”, ma che a volte sa essere “matrigna”. Il titolo ben si adatta al corredo musicale prodotto da Interiors, fatto di sonorità acustiche e “tradimenti” digitali, voci angeliche e luciferine, battiti ancestrali e groove sbilenchi, inquieti, zoppicanti.

Per finire, alle 23 nell'Area pic-nic di via Canale, una camminata nel silenzio dal titolo "Onda mistica; prima, lungo l’argine, un desiderio notturno di stati d’animo e di ricordi di Matteo Scaioli, Mario Baldini e Marco Luongo: paesaggio sonoro con i suoni delle carezze del grano, brezze silenziose, colpi di vento, rumori di fondo. Poi, in una golena, il concerto
dei Liquid Desire (Gabriele Bombardini, Johnny Boscaini e Matteo Scaioli), che presenteranno il loro nuovo disco. Munirsi di torcia.

------------------------------------------------------------------------
DOMENICA 19 LUGLIO - NATURA E VIVALDI
------------------------------------------------------------------------

Si rinnova anche quest'anno il sodalizio con l'Emilia Romagna Festival, che alle 21.30 propone "Antonio Vivaldi e i concerti della natura", un’antologia di brani divenuti immensamente popolari: le imprevedibili fantasie e l’euforica vitalità di Antonio Vivaldi, che non invecchia mai. Sul palco, l’Orchestra dei Solisti Aquilani con Francesco Loi (flauto) e Daniele Orlando (violino solista). In caso di maltempo il concerto verrà recuperato mercoledì 22 luglio. Biglietto 12 € (gratis fino a 12 anni).

Sempre domenica, alle 19 partendo dall'Area pic-nic di via Canale ci sarà "Il paesaggio è nutrimento dell’anima": Seguendo la strada-tunnel verde del Canale del Mulino di Cotignola, si arriverà alla Chiusaccia, per poi raggiungere l’Arena camminando sull’argine sinistro del fiume Senio. Prima della paglia, la riscoperta del territorio. Vi condurrà Angelo Ravaglia, che conosce i nomi delle piante e degli animali.

Alle 19.30 alla Golena dei poeti il concerto delle Forcina, giovane band locale nata nei casoni di campagna di Cotignola.

------------------------------------------------------------------------
LUNEDÌ 20 LUGLIO - MITOLOGIE BESTIALI
------------------------------------------------------------------------

La serata di lunedì avrà come ospite speciale Vinicio Capossela. Alle 19.30 a Casa Belvedere ci sarà una conversazione tra Vinicio e lo scrittore Eraldo Baldini; Capossela presenterà il suo libro "Il paese dei coppoloni" (Feltrinelli, 2015).

Alle 22 nel Palco dell'Arena inizierà il concerto per orchestra d’archi "Requiem per animali immaginari e altre fantasticherie", arrangiato e composto da Stefano Nanni, con canzoni e testi di Vinicio Capossela e musiche eseguite dall’Orchestra Bruno Maderna. Letture tratte dal “Manuale di Zoologia fantastica” di Jorge Luis Borges. Posti limitati. Biglietto 15 € (gratis fino a 12 anni). Prenotazioni sul circuito Viva Ticket.

------------------------------------------------------------------------
MARTEDÌ 21 LUGLIO - ULTIMO PASSAGGIO D'ARENA CON BALLO
------------------------------------------------------------------------

Alle 19.30 nel Ridotto Balle ci sarà un dialogo sonoro intimo utilizzando strumenti realizzati in ceramica autoprodotti: concerto dei Rabalà con Gian Luca Babini (percussioni), Gianluca Fortini (clarinetto basso), Fabio Cimatti (sax baritono), Enrico Versari (percussioni).

Dalle 20 alle 22 nel cortile di Casa Belvedere un gran tour nella Bassa Romagna da assaporare con gli occhi e da gustare a ogni giro di ruota. Un viaggio virtuale nella Terra del benvivere, un set cinematografico interattivo dove gli spettatori diventano protagonisti. L’Unione dei Comuni della Bassa Romagna presenta in anteprima all’Arena “Delizie per viaggiatori buongustai”, il progetto con cui animerà la Piazzetta dell’Emilia-Romagna all’Expo, il prossimo 6 agosto.

Alle 21 nella Golena dei poeti la storia di un broker d’assalto romagnolo ormai fallito, che vive di rimedi nel terminal di una periferia ultra degradata. Lì, non trova di meglio che confrontarsi a muso duro con un gatto randagio napoletano. Un confronto paradossale, esilarante e amaro, tra un napoletano e un romagnolo, di Giovanni Nadiani, con Michele Zizzari e il gruppo musicale Faxtet.

Infine, alle 22, sul palco saliranno i Mau Mau, storica band torinese che prende il nome dal gruppo di liberazione del Kenya dalla colonizzazione inglese. Loro sono il battito mondiale che mescola generi musicali provenienti dai paesi più caldi della terra. Dopo aver girato tutto il mondo e avere abbandonato la scena senza sciogliersi, all’Arena ricaricano le pile e presentano in anteprima alcuni brani del loro nuovo disco che uscirà in autunno. Con il loro folk rock accenderanno il ballo finale sulla paglia dell’Arena.

Dopo il ballo finale, come è ormai tradizione, ci sarà l’asta delle balle di paglia.


INOLTRE...

------------------------------------------------------------------------
CASA BELVEDERE
------------------------------------------------------------------------

>>> Tutte le sere, inoltre, dalle 19.30 a Casa Belvedere il fotografo Daniele Casadio, con l’aiuto di Stefano Tedioli, Alessandro Carnevali e Andrea Santese, prepara un set fotografico di ritratti d’Arena, che potrai vedere nei monitor di una stanza della casa. Gli iscritti a Primola Cotignola potranno chiedere il file dei ritratti scattati nel 2014 e 2015.

>>> In un'altra stanza della Casa, ci sarà una residenza d’attrice per Elena Guerrini, che presenta “Alluvioni: fango che diventa luce”, una coproduzione con Primola Cotignola, che debutterà in prima nazionale a Sansepolcro al Kilowatt Festival 2015, uno dei più importanti festival teatrali italiani. Scritto e raccontato da Elena Guerrini e prodotto da Davide Di Pierro. dal 16 al 18 luglio, dalle 19.30, ci saranno sessioni aperte di prove, mentre dal 19 al 21 luglio, dalle 21.30, lo spettacolo, per dieci spettatori alla volta.

------------------------------------------------------------------------
LAND ART
------------------------------------------------------------------------
"Noi abitiamo nel fiume dove le lucciole cantano, i pesci trasportano il sole di notte, le fontane fanno i nidi nell’acqua, gli animali fantastici ruminano nell’arte, e dove i paesaggi sognano di diventare necessari".

>>> Il Pesce nel sole, a cura dell’associazione culturale Selvatica, di Alice Iaquinta e Gilberto Donati.

>>> La Fontana dei nidi d’acqua del CER, di Oscar Dominguez e Claudio Lazzarini. 

>>> Lucciomatiche di fiume di David Loom.

>>> Animalia, a cura dei partecipanti del workshop di Oscar Dominguez.

>>> Concerto per lucciole che spunta dal Ponte Primola, di Marco Morandi.

>>> Kusali, sculture di pane realizzate da Matteo Lucca.

------------------------------------------------------------------------
L’ARENA DEI BAMBINI
------------------------------------------------------------------------
Tutte le sere dalle 18.30 alle 20.30 verranno organizzati laboratori e iniziative per i più piccoli. Ritrovo (o partenza) sempre alla Golena dei poeti.

>>> Giovedì 16 ci saranno "le olimpiadi della paglia": un gioco a tappe, una sfida all’ultima merenda, tra staffette, ostacoli da superare e aghi nel pagliaio da cercare (età 6-11 anni).

>>> Giovedì 16, venerdì 17, sabato 18, "I grandi pesci volanti in cartapesta", laboratorio a cura dell’associazione Selvatica, con Alice Iaquinta e Gilberto Donati.

>>> Sabato 18 un'avventura nell’isola dell’Albaraz: Roberto Papetti guiderà i bambini in una camminata alla scoperta di un bosco magico (età 6-12 anni accompagnati da un adulto, si consiglia abbigliamento lungo e scarpe ginniche).

>>>Lunedì 20 sarà proposto un pic-nic di racconti, con i narratori di “Casola è una favola” (dai 4 anni).

>>> Martedì 21 infine ci sarà la camminata-laboratorio "Maschere d’argine", tra il CER e il Senio, per creare maschere di paesaggio con Marina Girardi (massimo 15 partecipanti, età 6-12 anni).
------------------------------------------------------------------------
IL BAR DELLE ACACIE
------------------------------------------------------------------------
Tutte le sere dalle 19 si possono trovare piadine farcite con affettati, formaggi e verdure; trovi anche piadine per vegani e vegetariani, vini della cantina La Sabbiona, una buona birra, gli “arancini cuor di cuscus” di Natura Nuova, macedonia di frutta.
Venerdì 17, sabato 18 e martedì 21 dalle 18.30 alle 20.30 è possibile anche fare un aperitivo sulla paglia.

------------------------------------------------------------------------
ALL’ARENA IN BICI ACCOMPAGNATI DA TESTIMONI DI PAESAGGIO
------------------------------------------------------------------------
È possibile venire all’Arena in bicicletta: da Fusignano, Lugo, Faenza, Bagnacavallo, insieme agli amici di Primola, testimoni di paesaggio, per pedalare insieme nella notte. Per prenotare un viaggio in bici in compagnia, chiamare il 333 4183149 (dalle ore 18 alle 20).

------------------------------------------------------------------------
COME RAGGIUNGERE L'ARENA
------------------------------------------------------------------------
>>> Con l’auto si parcheggia presso il campo sportivo di via Cenacchio, poi a piedi o in bicicletta si cammina per 1200 metri tra i filari delle viti e dei kiwi. È possibile percorrere solo la carraia. Portare anche una torcia. Servizio navetta per mobilità ridotta: telefono 333 4183149 (attivo i giorni dell’Arena dalle 18.30).

>>> Dal Distributore non automatico di coraggio, in piazza Amendola a Cotignola, è possibile percorrere a piedi o in bici l’argine sinistro del Senio fino a raggiungere l’Arena.

------------------------------------------------------------------------
RACCOLTA FONDI
------------------------------------------------------------------------
Un baratto per la cultura. L’Arena è interamente realizzata dal lavoro di volontari, ma ci costa tanto lo stesso.

>>> La prima serata è a ingresso libero.

>>> Domenica 19 luglio “Antonio Vivaldi e i concerti della natura” costa 12 € (gratis fino a 12 anni).

>>> Lunedì 20 luglio “Requiem per animali immaginari e altre fantasticherie” costa 15 € (gratis fino a 12 anni). 

>>> Per le altre serate è richiesto un contributo volontario uguale o superiore a 2 €.

------------------------------------------------------------------------
SORVEGLIANZA, EMERGENZE E DIVIETI
------------------------------------------------------------------------
>>> L’area dell’Arena è sorvegliata con vigilanza 24 ore
su 24 dal momento in cui saranno portate le balle e
fino alla loro rimozione.

>>> Durante la festa sarà disponibile un’ambulanza con defibrillatore in caso di emergenza.

>>> Il Canale Emiliano Romagnolo è pericoloso: non
avvicinatevi alle sponde, non oltrepassate i divieti che
incontrerete.

>>> La campagna e i luoghi nei quali si svolge l’Arena
sono un patrimonio comune: aiutateci a rispettarli e a
farli rispettare.

>>> In caso di eccessiva affluenza, per motivi di sicurezza, l’accesso all’Arena sarà limitato. Ogni partecipante è totalmente responsabile di sé stesso.

------------------------------------------------------------------------
INFORMAZIONI
------------------------------------------------------------------------
www.primolacotignola.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 333 4183149 (nei giorni dell'Arena dalle 18 alle 20)
L'iniziativa aderisce alla Rete dei Teatri di Paglia - www.teatrodipaglia.it.
Addetto stampa Matteo Mingazzini, tel 349 3523188

Hits: 6866
0

Posted by on in Collaborazioni

sabato 11 luglio a Savignano sul Rubicone (FC)

Quest'anno al Savignano Wine Festival ci sarà anche La Musica nelle Aie con un'area gastronomica e di intrattenimento in Piazza Faberi, con il Duo Bucci-Valli formato da Robero Bucci al violino e da Marina Valli alla chitarra e al violino. Balli popolari romagnoli

Roberto Bucci è fondatore del gruppo LA CARAMPANA, storica realtà che dalla sua nascita è impegnata nel recupero e nella diffusione dei balli popolari romagnoli di fine ‘800. Roberto Bucci ha appreso i balli che formano il repertorio direttamente dagli ultimi suonatori che ancora ricordavano questi balli come Melchiade Benni, Giacomo Donati detto Bagarèta e Livio Rambelli.
Marina Valli è membro fisso da tempo del gruppo LA CARAMPANA ed è stata per anni direttrice della BANDA DE GREL un altro importante gruppo per la diffusione del repertorio tradizionali.

tutto il programma su www.savignanowinefestival.com

Hits: 1526
0

Ecco le foto vincitrici del concorso fotografico "Aie 2015" 

Al 1° posto la foto di Ivan Raimondi

11053226_1433696426953381_2075088463911640511_n.jpg

 Al 2° posto la foto di Luca Rubbini

10527449_1433694700286887_3577948665836063070_n.jpg

Al 3° posto la foto di Sofia Vicchi

b2ap3_thumbnail_10917120_1433694673620223_1259163968640439944_n.jpg

 

 

qui sotto le altre foto segnalate dalla giuria formata daStefano Visani di Age d'Or, Arturo Chesi Visani de Il Ciô, Aldo Foschini e Christian D'Alessandro de La Musica nelle Aie e Fabio Monducci della Fototeca Manfrediana.

 

b2ap3_thumbnail_10666013_1433694740286883_7391683669827298914_n.jpgb2ap3_thumbnail_11411941_1433697766953247_6945771487744369529_o.jpgb2ap3_thumbnail_11229963_1433694643620226_6118625641015184140_n.jpgb2ap3_thumbnail_11011463_1433697276953296_7684229800316678869_n.jpgb2ap3_thumbnail_10417699_1433694703620220_3705681652149326462_n.jpgb2ap3_thumbnail_10917120_1433694753620215_7482582227746530544_n.jpgvb2ap3_thumbnail_10958805_1433697733619917_7622810338060009946_n.jpg

 

Il nostro ringraziamento va a tutti quelli che hanno partecipato come fotografi, come votanti e come soggetti delle foto.

 

 

 

 

 

 

 

Hits: 2630
0

Posted by on in Collaborazioni

FESTA DELLA PACE 2015

 

Domenica 21 Giugno alle ore 11:00 presso il Centro Residenziale Cà Malanca

12° Festa della Pace organizzata dalla Sezione Giuseppe Bartoli di Brisighella.

Il programma prevede:

Presentazione del libro “Periferie: Terre Forti” con gli autori dell’opera Gaetano Alessi e MassimoManzoli: quattro storie di periferie capaci di unire il Nord ed il Sud del nostro Paese grazie ad una sola parola: Resistenza. Quella capace di ridare dignità dove hanno prevalso il sopruso, la violenza, la corruzione e la mafiosità , la burocrazia sterile ed inumana, spesso la stupidità che rende ciechi, sordi e muti quando dovremmo invece essere presenti con tutti i nostri sensi, per salvare il nostro spazio di Bellezza e di Libertà.

Seguirà pranzo gestito dai volontari della sezione A.N.P.I. di Brisighella.

Nel pomeriggio avremo la performance teatrale “Gente dalla testa dura” (Piccola Opera Resistente) di Alberto Bedeschi.“Se… attraversi certi boschi, se intraprendi un cammino lungo certi sentieri forse con un poco d’immaginazione potresti sentir riecheggiare ancora le loro grida, le loro speranze; così provando a immedesimarti nella sofferenza delle loro gesta, arrivi ad una radura e con il cuore alla gola percepisci il pericolo, quel luogo per essi poteva rappresentare una minaccia d’imboscata… e se sei partigiano e stai vivendo nel 1944, cominci ad intuire che quel giorno la tua vita potrebbe spegnersi, che il tuo sangue versato per la libertà altrui richiama un inno feroce contro la violenza… e allora… da li a breve il fatalismo imminente prende il sopravvento per fare di un uomo un eroe. Questo racconto nella battaglia più estrema contro quell’epoca buia che fu il fascismo, parla di uomini che rischiarono tutto pur di restituirci la nostra dignità , la nostra libertà… per farci capire che non ci si deve mai arrendere …. e sempre lottare.”

I Lennon Kelly, che chiuderanno la giornata, sono un collettivo musicale nato da affinità umane e musicali, come raccontano gli stessi membri: “Lunga Vita al Re (disco uscito quest’anno)”è il risultato di un’amicizia tramutata in musica e di un ideale portato avanti con coerenza e passione, l’amore di scrivere e raccontare senza eccessi la normalità che paradossalmente non esiste più”. Sette musicisti, ricchi di storie ed ideali che uniscono il talento di Vasco ‘Batowski’ Abbondanza (voce e chitarra), Costantino ‘Roman’ Valentini (chitarra, banjo e voce), Alessandro ‘Pobre’ Valentini (basso), Mirco ‘Circoì’ Turci (violino), Enrico ‘Perry’ Ricci (fisarmonica), Cristofer ‘Cisti’ Graffieti (chitarra e banjo) e Davide ‘Dabbede’ Paci (batteria). Un gruppo che attraverso il folk porta in scena i temi di attualità in chiave alternativa ma non per questo meno credibile, a dimostrazione che, se supportati dalle giuste capacità, messaggi tanto forti possono essere veicolati attraverso un genere poco battuto.

Durante la giornata saranno attivi i banchetti dell’Associazione Italia-Cuba e di Emergency, oltre a quello A.N.P.I. con la vendita di libri e per tesseramento all’Associazione.

L’A.N.P.I. invita tutti a partecipare per condividere e sostenere i valori di pace e libertà che sono fattori fondamentali e imprescindibili della democrazia.

 

Ca’ Malanca (mt.721 s.l.m.), ove ha sede il Museo Storico della Resistenza, è raggiungibile anche a piedi per mezzo di vari percorsi segnalati.

La nostra proposta in collaborazione con le Guardie Ecologiche Volontarie di Faenza è la “Passeggiata della Memoria” con partenza dalla chiesa di Santa Maria in Purocielo alle ore 9:45.

Si percorrerà il Sentiero dei Partigiani con spiegazione storica della Battaglia di Purocielo a cura di Roberto Renzi dell’A.N.P.I. di Faenza.

 

Come si raggiunge Cà Malanca

Da Faenza (RA) seguire le indicazioni per Firenze, passare gli abitati di Errano, Brisighella, Fognano, Castellina, Casale, Strada Casale, S.Eufemia, San Cassiano; dopo il passaggio a livello girare a destra per San Martino in Gattara e, tenendo la propria destra, salire a Monte Romano e Croce Daniele, al ristorante tenere la destra e proseguire per altri 3 km, sino a giungere al parcheggio di Cà di Malanca.

Ricordiamo inoltre che da San Martino in Gattara sono visibili le indicazioni per il Museo della Resistenza di Ca’ Malanca.

 

Hits: 1314
0

Posted by on in Collaborazioni

 

Ecco gli 8 artisti che si contenderanno la 

18° edizione Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty

Dalla terra più giovane d’Italia si alza il canto dei diritti umani

16-19 Luglio 2015 Rosolina Mare (RO)

#vxl15


Ad un mese esatto dall'apertura del festival promosso da Amnesty international Italia e dall’Associazione culturale Voci per la Libertà, ecco il programma con gli 8 artisti che si contenderanno la 18° edizione di Voci per la Libertà (#vxl15). Agli appuntamenti sotto indicati ne verranno aggiunti ulteriori nel corso delle prossime settimane. 
Anche quest’anno, fondamentale in quanto cade nel diciottesimo compleanno dell’evento e nel quarantesimo anniversario della fondazione di Amnesty International Italia, la manifestazione supporta la campagna “Stop alla tortura”, forte dell’assegnazione del Premio Amnesty International 2015 al brano “Scendi giù” del cantautore Mannarino, che sarà presente a Rosolina Mare (Rovigo) domenica 19 luglio.
Negli ultimi cinque anni Amnesty International ha riportato casi di tortura in 141 paesi, cioè in tre quarti del mondo. Oggi leggi contro la tortura sono in vigore quasi ovunque, ma non sempre sono sufficienti a proteggere la vita delle persone. Il 13 maggio 2014 Amnesty International ha lanciato la campagna globale “Stop alla tortura” per sollecitare i governi a introdurre e applicare garanzie di protezione per prevenire e punire la tortura; per l’Italia l’obiettivo è l’introduzione del reato di tortura nel codice penale italiano.

 

 

 

DOMENICA 12 LUGLIO ANTEPRIMA FESTIVAL

in collaborazione con la rivista REM e il festival DeltaBlues

Ore 19.00 @ attracco fluviale Ca’ Tieolo Porto Tolle: crociera con concerto galleggiante di PAOLO BONFANTI & MARTINO COPPO e MUD

Per info e prenotazioni: Monica 3393162455

 

GIOVEDÌ 16 LUGLIO - ROSOLINA MARE

in collaborazione con DeltArte

Ore 21.00 @ Viale dei Pini: inaugurazione dell'opera di street art di Lucamaleonte 

Ore 21.30 @ Centro Congressi in Piazzale Europa
inaugurazione dell'installazione a cura di Voci per la Libertà

Ore 22.00 @ Centro Congressi in Piazzale Europa
premiazione del video concorso 3 minuti per 30 articoli

 

VENERDI’ 17 LUGLIO  - ROSOLINA MARE

Ore 21.00 @ Arena Piazzale Europa

SEMIFINALI CONCORSO


ADOLFO DURANTE (Mantova – Pop/Folk)

Interprete versatile, in grado di affrontare repertori che spaziano dal jazz al rock, qui presenta il brano Libertà, tratto dall’omonimo album scritto e prodotto da Enrico Andreini, con i testi di Sandra von Borries. 

RIKI ANELLI (Bergamo – Cantautorato Italiano)

Il cantautore, già vocalist e bassista degli Isabelle Urla, ha vinto la Targa Repubblica.it nel 2013 e nel il Premio Anacapri Bruno Lauzi Canzone d’Autore nel 2014. A #vxl15 partecipa con Ti porterò.

RITA ZINGARIELLO (Bari - Cantautore)

Cantautrice dalla voce cristallina e dal forte carisma, nel 2012 si aggiudica il Contest Musica è e nello stesso anno è tra i vincitori di Sanremo rock. E’ del 2014 il suo primo album Possibili percorsi dal quale è tratta Eroe.

WDD & MICHELA GRENA (Pordenone - Dub)

Dall’unione di Michela Grena (B.R.Stylers) e Wicked dub division nasce nel 2014 questo progetto, autore di un dub caldo e ipnotico. La loro opera prima è Dub Drops (autoproduzione, 2015), che contiene New Slavery.

+ HEADLINER

 

SABATO 18 LUGLIO - ROSOLINA MARE

Ore 21.00 @ Arena Piazzale Europa 

SEMIFINALI CONCORSO
 

FEDERICO MILELLA (Torino – Pop/Rock)

Il cantautore, già Aut in Vertigo e Consorzio Anime Salve, dall’estate 2014 sviluppa il suo progetto solista aiutato da Neura, Fabrizio Cit Chiapello e Maquis Prd. Il suo Ep d’esordio si intitola Km 0 e a #vxl15 presenta Frontiera.

GOLASECA (Carbonia/Iglesias - Rock)

Vincitori del Premio Web di #vxl15, salgono direttamente sul palco del festival con la graffiante Sud dei sud sulle condizioni disumane di vita alle quali sono costretti i migranti. Forti di una grande esperienza live in questo 2015 prevedono l’uscita del loro album.

MALARAZZA 100% TERRONE (Agrigento/Palermo – Folk/Rock)

La band, che fonde le sonorità più dure della musica d’oltreoceano a quelle tradizionali siciliane, ha all’attivo l’album Sicilia mia (autoproduzione, 2012). Già autori di Felicia dedicata a Peppino Impastato, a #vxl15 presentano Zio Pino, omaggio a Don Pino Puglisi.

MICHELA FRANCESCHINA (Pordenone – Pop/Bossa)

Cantautrice e pianista laureata presso il Conservatorio "J. Tomadini" di Udine, Michela è fondatrice del trio vocale femminile Trio Kalliope e ha ricevuto diversi riconoscimenti (Percotocanta, ad esempio). Qui presenta Libertà.

+ HEADLINER

 

DOMENICA 19 LUGLIO - ROSOLINA MARE

Piazzale Europa

Ore 18.00 @ Centro Congressi

Conferenza stampa Premio Amnesty International Italia ALESSANDRO MANNARINO

Ore 21.00 @ Arena Piazzale Europa

FINALE CONCORSO CON I MIGLIORI 5 ARTISTI


Premio Amnesty International Italia ALESSANDRO MANNARINO

 

 


 

Ricordiamo inoltre che è partita la raccolta di fondi attraverso la piattaforma Produzioni dal basso: www.produzionidalbasso.com/project/voci-per-la-liberta-una-canzone-per-amnesty

Ci rivolgiamo al nostro pubblico, passato, presente e, speriamo!, futuro, chiedendo un sostegno economico, che intendiamo ripagare, oltre che con diverse ricompense specifiche, con una quattro giorni da favola, dal 16 al 19 luglio 2015 a Rosolina Mare (Rovigo), alla quale siete tutti invitati!


18° Edizione Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty 
Dalla terra più giovane d’Italia si alza il canto dei diritti umani
Rosolina Mare (RO) 16-19 Luglio 2015
www.vociperlaliberta.it

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------

Una iniziativa di:
Associazione Culturale Voci per la Libertà / Amnesty International Italia / Pro Loco Rosolina / Comune di Rosolina / Provincia di Rovigo / Ente Parco Delta / Regione Veneto

Sponsor:
Barzanò & Zanardo / Coop Adriatica / Copma

Con il supporto di:
Mei – Audiocoop – Rete dei Festival / Centro Diritti Umani Università di Padova / RetEventi / Centro Servizi Volontariato Rovigo / Musica nelle aie / DeltArte / Deltablues / Alabianca / Studioartax
 

Media partner:
Blob Agency / Freakout / Freequency / La scena / L'isola che non c'era / RadioRock.to / Radio 41 / Rumore /  Mescalina / Radio città del capo / Radio libera tutti / Radio Siani / REMweb / Rolling Stone / La Voce di Rovigo / Rovigo Oggi / Delta Radio / ViaVaiNet
 
 
 
 
Hits: 1382
0

Posted by on in Collaborazioni

COMUNICATO STAMPA

Il 17 giugno apre il Padiglione Estate, l’aperitivo fra arte, musica e spettacoli al Museo Carlo Zauli

dal 17 giugno al 31 luglio 
e dal 26 agosto all’11 settembre
tutti i mercoledi, giovedì e venerdì 
dalle 18.30 alle 21.00

Esordisce il 17 giugno un nuovo progetto del Museo Carlo Zauli.

Con il talk Cultura e territorio: l’arte che conquista le folle, un incontro fra organizzatori di eventi culturali con grande afflusso di pubblico (La Musica nelle Aie è presente)
si apre la stagione di MCZ Padiglione Estate, la nuova sfida del Museo Carlo Zauli. Puo’ un museo diventare un luogo d’incontro abituale senza rinunciare né al proprio ruolo di diffusore culturale né alla spontaneità di un rilassante drink di fine giornata?

Dal 17 giugno fino all’11 settembre (con pausa nelle prime tre settimane di agosto) il museo aprirà, in orario aperitivo, ogni mercoledì, giovedì  e venerdì. Il Padiglione Estate sarà la cornice in cui godere dell’atmosfera di un giardino del centro storico e dei drink di Sghisa, e contemporaneamente la sala conferenze o il fablab saranno teatro di un evento culturale.

Dalla stampa 3D alla poesia, dal concerto all’intervista, dalla performance teatrale al laboratorio didattico, ogni sera il museo o il fab lab vi aspetteranno per sorprendervi con un appuntamento unico.

Da sempre il Museo Carlo Zauli è un’istituzione impegnata nella diffusione dell’arte contemporanea, ponendosi in questo senso come attore sociale nel proprio territorio di appartenenza. Già attraverso i progetti “I lunedi del Contemporaneo” e poi nei cicli di incontri “Avventure nello spazio dell’arte” abbiamo creduto in un modo facilmente fruibile di coinvolgere un pubblico di non soli addetti ai lavori. Questa tensione verso la conquista di un più vasto pubblico appassionato all’arte, oggi è ritenuta molto importante nella nostra società: si tratta di quello che viene definito audience development, ovvero un processo, un percorso complesso che ha come finalità allargare e diversificare i pubblici, producendo un miglioramento delle condizioni complessive di fruizione.
Naturale quindi la scelta di aprire la stagione con il racconto di alcune fra le più eclatanti esperienze di audience development alla romagnola, progetti che hanno saputo unire con grande successo arte e territorio: Musica nelle Aie, Cena Itinerante nel Distretto A, Cinema Divino, Arena delle Balle di Paglia.
 
Il progetto MCZ Padiglione Estate 2015 presenta quindi un’ampia e varia programmazione, dialogando in rete con altre realtà del territorio e nazionali: dalle sperimentazioni performative e teatrali a cura della compagnia Menoventi ai concerti della rassegna musicale In Tempo, in collaborazione con il prestigioso Emilia Romagna Festival, passando per le installazioni di Fototeca Manfrediana. In calendario un focus su Residenza d’Artista con la presenza di Jonathan Monk, artista ospite nella edizione 2015, e collegamenti con il lavoro che si sta portando avanti su Zauli e la sua epoca: presenti Fondazione Burri e CSAC. Ci saranno lezioni e workshop a cura dell’Associazione FabLab Faenza sui temi del 3D, mentre il progetto Artbreakers, dopo la tappa al MAMbo, sarà al MCZ per un laboratorio di avvicinamento all’arte contemporanea. Si approfondirà inoltre lo studio e la sperimentazione sulla ceramica e si svolgeranno incontri in cui Matteo Zauli intervisterà personalità del territorio nella chiara volontà di legarne l’identità alle atmosfere e ai contenuti dell’arte contemporanea.
 
Tutti gli appuntamenti sul sito
 

MCZ padiglione estate
in collaborazione con Osteria della Sghisa

apertura museo ore 18.30 inizio eventi ore 19.00
ingresso gratuito (i workshop sono a pagamento)
gli appuntamenti si terranno anche in caso di maltempo

per info 333 8511042

uff stampa / cristina casadei / 339 1544010 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
Hits: 1346
0